Redazione Paese24.it

Primo volo da Pisticci. In Basilicata anche treno veloce. Alto Jonio resta a guardare

Primo volo da Pisticci. In Basilicata anche treno veloce. Alto Jonio resta a guardare
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

La Basilicata vince il suo storico isolamento prendendo il volo dal nuovo aeroporto di Pisticci (MT) e salendo sull’Alta Velocità di Trenitalia e lascia a piedi la Sibaritide e l’Alto Jonio che, zavorrati e rassegnati, non riescono in nessun modo a vincere il gap trasportistico che da anni ne condiziona la crescita. E’ infatti notizia dell’ultima ora che dall’avio-superficie di Pisticci (nelle foto), che ha già incassato l’autorizzazione dall’Enac per il trasporto-passeggeri e che si appresta a diventare l’aeroporto regionale della Basilicata ieri, 29 settembre, è decollato il primo volo sperimentale con destinazione Medjugorje, in Bosnia.

In questo caso si tratta di turismo religioso ma i programmi della Winfly, la compagnia aerea che gestisce l’avio-superficie progettata a suo tempo da Enrico Mattei, prevedono l’imminente avvio dei voli, con atterraggio e decollo di aerei-cargo per il trasporto-merci e di velivoli-passeggeri con 50 posti, con partenza quotidiana per Roma e Milano.

pista-e-matteiQuesto, per quanto riguarda il trasporto aereo, ma è notizia di alcuni giorni addietro che dal primo gennaio 2017 la Basilicata e la Puglia jonica saranno collegate a Roma dall’Alta Velocità con il treno ETR1000 che ha già fatto il suo primo viaggio sperimentale, con partenza da Taranto, fermate intermedie a Ferrandina (MT) la stazione più vicina a Matera (capitale europea della Cultura 2019) e Potenza e arrivo a Roma in poco più di tre ore. In questo caso, siccome a integrare le spese di gestione provvedono le regioni Puglia e Basilicata, paradossalmente non è stata prevista una fermata allo snodo di Metaponto dove la popolazione calabrese della fascia jonica, costretta ancora a fruire di una di una linea a binario unico e a scartamento ridotto su cui gli autobus sostitutivi da tempo hanno preso il posto dei treni, avrebbe potuto prendersi il lusso di provare l’ebbrezza dell’Alta Velocità. Per non parlare del naufragio ormai acclarato dell’aeroporto di Sibari di cui si parla da oltre trent’anni e che è destinato a rimanere un sogno nel cassetto e della famigerata “strada della morte” il cui inizio dei lavori sembra allontanarsi sempre più nel tempo. Ma oltre a mortificare la mobilità delle popolazioni locali, l’isolamento geografico di questo lembo di Calabria che nel corso dei secoli è stato la culla della civiltà magno-greca, impedisce di puntare sul turismo, l’unica risorsa di cui dispone essendo ricco di una dotazione alberghiera di oltre 20mila posti e di preziose risorse storiche, archeologiche, paesaggistiche ed agro-alimentari.

Pino La Rocca

Share Button

6 Responses to Primo volo da Pisticci. In Basilicata anche treno veloce. Alto Jonio resta a guardare

  1. Domenico 2016/10/05 at 12:12

    Alta velocità? Per favore scrivete le cose esatte. L alta velocità è solo fino a Salerno. Punto

    Rispondi
    • Redazione Paese24.it 2016/10/05 at 15:36

      Infatti nell’articolo, se legge bene, c’è scritto che in Basilicata l’Alta Velocità arriverà dal 2017. Ancora non c’è.
      Saluti, La Redazione

      Rispondi
  2. Gaetano Serrago 2016/10/05 at 22:27

    Complimenti al giornalista Pino La Rocca,che essendo Calabrese,ha espresso pienamente il pensiero di tutti noi poveri mortali Calabresi che guidati da una classe politica incapace la quale non è mai riuscita a far decollare progetti così preziosi quali aeroporti di Sibari ll’autostrada Taranto Sibari che potevano essere volano di sviluppo e conseguente economicità per tutta la ns regione a vocazione turistica purtroppo rimasta solo su carta.

    Rispondi
  3. olga cadelli 2016/10/06 at 05:26

    Volete capirlo che
    CRISTO SI E’ FERMATO A NOVA SIRI !!!!!!!

    Rispondi
  4. Roccofranco 2016/10/07 at 11:26

    In Calabria ed in Alto Jonio in particolare spesso ci fermiamo ad imprecare contro gli “altri”. Dovremmo imprecare meglio anche contro noi stessi, se avevamo un ospedale e ce lo siamo fatti chiudere, avevamo una 106 sbrandellata e ce la siamo fatti lasciare sbrandellata, avevamo una ferrovia dove almeno passavano alcuni treni e ce la siamo fatti declassare come fosse un’area del terzo mondo, se avevamo uffici, scuole, enti istituizionali e ce li siamo fatti chiudere o ridurre ai minimi termini…Se avevamo un mare da speranza e ce lo siamo fatti ipotecare dai patrolieri( molti non si sono recati manco a votare il referendum…!).

    Rispondi
  5. lucy 2016/10/07 at 14:37

    Concordo con Roccofranco. i ns politici stanno a guardare, ma noi abbiamo chiuso gli occhi e le orecchie, abbiamo fatto spazio alla rassegnazione e all’inazione. fa male dirlo, ma siamo proprio degli ignavi, se ancora lasciamo tutto in mano a politici inadeguati, se lasciamo che altri ci derubino del nostro futuro e delle nostre risorse, se tanti non vanno più a votare alle elezioni e ai referendum… svegliamoci tutti! svegliamo le coscienze! chi ha interesse a risollevare le sorti del NOSTRO ALTO JONIO, alzi la mano, e rimbocchiamoci le maniche!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *