Redazione Paese24.it

Castrovillari contaminata dalla cultura. Concluso il “Calàbbria Teatro Festival”

Castrovillari contaminata dalla cultura. Concluso il “Calàbbria Teatro Festival”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

«Il teatro e l’arte in generale sono vive e vegete ed hanno bisogno di palcoscenici ed occasioni per raccontarsi al pubblico e stringere sinergie e contaminazioni con quanti amano le cose belle, che fanno pensare e riflettere». Con piena soddisfazione degli organizzatori si è conclusa ieri (domenica) la sesta edizione del “Calàbbria Teatro Festival” dedicata al tema dell’immigrazione e dell’accoglienza, a cura dell’associazione culturale Khoreia 2000. Una settimana ricca di eventi, spettacoli, festival dei corti, incontri, mostre, dibattiti, enogastronomia e contaminazione. «Un’edizione – hanno dichiarato Angela Micieli, direttore organizzativo, e Rosy Parrotta, direttore artistico – che ci ha permesso di fare un salto di qualità grazie al sostegno da Regione Calabria, del Comune di Castrovillari, dell’Ente Parco e dei Comuni di San Basile ed Acquaformosa, unitamente alle tante associazioni e professionalità che hanno preso parte».

E proprio a conclusione della kermesse sono stati premiati i corti teatrali, festival nel festival. Vincitore assoluto, sia per la giuria tecnica (composta dalle giornaliste Ilaria Guidantoni e Francesca Scopelliti, e l’attrice Diletta D’Ascia) che popolare, “La donna che disse di no” con Pierpaolo Saraceno e Mariapaola Tedesco, opera che racconta il “no” di una donna contro il potere mafioso per la difesa della propria dignità, della propria persona, e che cambierà la storia del Paese. Questa la motivazione: «Regia, messa in scena, recitazione, testo e sceneggiatura hanno convinto la giuria per la completezza del lavoro. Particolare apprezzamento per la qualità interpretativa che si unisce con alcuni momenti performativi e quadri cinematografici; oltre che per un testo che pur essendo tratto da una storia di cronaca – già oggetto di rivisitazioni teatrali e cinematografiche – riesce ad essere innovativo, volando oltre il teatro di denuncia ed il giornalismo per diventare un autentico spettacolo di teatro».

Al secondo posto “Ritorno a Verona” di Emiliano Minoccheri, con particolare apprezzamento «risolto a un testo poetico con una bella presenza scenica e un lavoro attento sulla voce e sulla resa della nota storia di Romeo e Giulietta – scrive la giuria – con una sorta di “ritorno al futuro” rendendo lo spunto shakespiriano una metafora della società odierna». “Fa curriculum (stiamo lavorando per noi)” di e con Antonio Randazzo e Antonio Roma, terzo classificato, è stato, invece, apprezzato per «l’interpretazione che con il sorriso tratta un tema sociale di grande attualità in modo spirito e ironico, recuperando la tradizione dei capo comici, lo spirito del cabaret e la denuncia di un problema. Lo spettacolo – scrivono Giudantoni, D’Ascia e Scopelliti – sa unire intrattenimento e riflessione diventando un inno al mestiere dell’arte e del teatro».

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *