Redazione Paese24.it

Sicurezza e omicidio stradale. Vigili di Cassano a Cosenza per aggiornarsi

Sicurezza e omicidio stradale. Vigili di Cassano a Cosenza per aggiornarsi
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

«Essere sempre al servizio vuol dire anche essere anche aggiornati». La Polizia Locale di Cassano all’Jonio, guidata dal Comandante Giuseppe Santagada, d’intesa con l’Amministrazione Comunale, guidata dal sindaco Giovanni Papasso, ha disposto la partecipazione a due giornate formative tenutesi il 13 e il 14 ottobre presso il Castello Svevo di Cosenza.

“Terrorismo e sicurezza locale. Quale scenario operativo?”. E ancora, “Le riforme della Pubblica Amministrazione e la Polizia Locale”; “L’omicidio stradale: tecniche operative, falsi documentali. Controlli ed aspetti operativi”: queste, tra le altre, le tematiche affrontate durante la due giorni, dove alle sessioni del corso di aggiornamento si sono alternati qualificanti laboratori professionali, a cui hanno partecipato tutti gli istruttori assunti per ultimo, qualche istruttore di vecchia assunzione e lo stesso comandante Santagada. «La partecipazione a turni al meeting – si legge in una nota – che si è svolto nella città dei Bruzi è stata pensata proprio per non provocare alcun disservizio alla cittadinanza che non si è resa conto, durante la due giorni di corso, di essere serviti da personale in formazione ridotta».

Redazione

Share Button

One Response to Sicurezza e omicidio stradale. Vigili di Cassano a Cosenza per aggiornarsi

  1. Antonio 2016/10/18 at 15:18

    I vigili di Cassano dovrebbero fare un corso sull’ educazione stradale vista la scorrettezza che esiste in questo paese da anni si parcheggia in doppia fila specialmente sulle vie principali di Lauropoli provocando seri danni sulla circolazione, il tutto succede sotto gli occhi delle autorità locali senza che nessuno se ne frega da anni, detto ciò faccio un appello al sindaco e al comandante di Cassano fate qualcosa per ridurre questo disordine che persiste ormai da anni.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *