Redazione Paese24.it

Calabria, la lotta al caporalato diventa legge. Pene più severe per chi sfrutta

Calabria, la lotta al caporalato diventa legge. Pene più severe per chi sfrutta
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

«L’approvazione definitiva della legge che istituisce il reato di caporalato è l’inizio di un nuovo percorso per l’agricoltura meridionale e calabrese; un trinomio perfetto tra dignità, solidarietà e legalità». Ne è sicura la Coldiretti Calabria dopo che il disegno di legge è diventato realtà a larghissima maggioranza e senza nessun voto contrario. «Lo sfruttamento brutale dei lavoratori – dichiara il presidente Molinaro – e l’intermediazione dei caporali era un aspetto vergognoso ed una situazione non solo eticamente inaccettabile, ma economicamente inefficiente. La giustizia ora ha armi più affilate, le pene severe e i controlli rigorosi introdotti nella legislazione devono colpire il vero lavoro nero».

«Adesso – continua il presidente della Coldiretti Calabria – si innesca una grande azione di responsabilizzazione di tutta filiera, dal campo alla tavola, per garantire che dietro tutti gli alimenti, italiani e stranieri, in vendita sugli scaffali, ci sia un percorso di qualità che riguarda l’ambiente, la salute e il lavoro. Chi sfrutta il lavoro nero – conclude Molinaro – fa un danno a tutti: agli agricoltori che rispettano le regole, alle comunità locali, al sistema economico territoriale».

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *