Redazione Paese24.it

Morano. XVI TeatroMusica, si apre il sipario sulla cultura partenopea

Morano. XVI TeatroMusica, si apre il sipario sulla cultura partenopea
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

E’ iniziata domenica, a Morano Calabro, la XVI Stagione di TeatroMusica organizzata da L’Allegra Ribalta, sotto la direzione artistica di Franco Guaragna, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune, l’Orchestra di Fiati di Morano, la Regione e la Provincia di Cosenza, il Parco Nazionale del Pollino. All’auditorium comunale sono intervenuti il sindaco, Nicolò De Bartolo, e l’assessore alla cultura Emilia Zicari, esprimendo il proprio plauso al lavoro che, da più di venti anni, l’Allegra Ribalta fa sul territorio, all’impegno e all’entusiasmo di tutti i soci, guidati dal presidente Massimo Celiberto. A portare il suo saluto anche il regista Casimiro Gatto che guida la compagnia teatrale moranese da diversi anni; infine è intervenuto il direttore artistico Guaragna. Dopo la presentazione del cartellone, il primo appuntamento teatrale ad ingresso gratuito, “Una notte con Dora”. Scritta e diretta da Marco Lanzuise, la brillante commedia, ricca di esilaranti equivoci e colpi di scena, ha deliziato il pubblico presente. Sul palco la compagnia napoletana “Quelli che …il teatro”.

Quattordici gli spettacoli in programma fino al 26 marzo 2017 che alterneranno la tradizione alla contemporaneità per omaggiare la grande cultura partenopea, arricchiti da due eventi appuntamenti musicali.

Il secondo appuntamento della rassegna è per domenica 30 ottobre, alle 18.30, con la compagnia salernitana “Teatro dei Dioscuri” che presenterà “Tutti vonno fa’ ‘ammore cu me”, di Antonio Caponigro.  Da due atti unici di Antonio Petito, (alias “Totonno ‘o pazzo”, il più grande Pulcinella di tutti i tempi), “Pascariello surdato cungedato” e “Don Felice Sciosciammocca creduto guaglione ‘e n’anno”, deriva l’idea di questa comicissima commedia in due atti, con l’ambizioso tentativo di rimettere in scena la fisicità del grande “Teatro totale” dell’ultima grande Commedia dell’Arte napoletana, con il particolare uso dello spazio, del corpo, del suono e della voce nelle molteplici sfaccettature. Nel mese di novembre la XVI Stagione di TeatroMusica prosegue senza interruzioni con tre spettacoli, domenica 6 va in scena “Un posto fisso in paradiso” di Corrado Visone, della compagnia “Uomini di mondo”, si prosegue il 13 con “Io speriamo che me la cavo” della compagnia barese “Colpi di scena” mentre domenica 20 è la volta di “Chi non muore si rivede” di Bruno Alvino con protagonisti gli attori della compagnia napoletana “Teatro mio”.

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *