Redazione Paese24.it

Amendolara. Sequestrato centro raccolta rifiuti trasformato in discarica

Amendolara. Sequestrato centro raccolta rifiuti trasformato in discarica
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

discarica-amendolara-2L’Amministrazione Comunale di Amendolara aveva previsto per oggi un’assemblea popolare per discutere della questione rifiuti ma il sindaco Antonello Ciminelli ha preferito rinviarla per «per problemi tecnici nella predisposizione della differenziata ». Intanto qualche giorno fa gli agenti della Guardia Forestale hanno sequestrato una discarica in località “Pennino”, a ridosso della sponda sinistra del torrente Straface. In un’area di 500 metri quadrati, di proprietà del Comune, sottoposta peraltro a vincolo paesaggistico-ambientale, sono stati rinvenuti circa 300 metri cubi di rifiuti di vario genere (nelle foto): ingombranti, pneumatici, indifferenziati, materiale elettronico, etc, per la maggior parte abbandonato nell’area e solo in minima parte raccolto in quattro cassoni.

discarica-amendolaraNei primi mesi del 2013, nell’area oggetto del sequestro, grazie ad un finanziamento pubblico, sono iniziati i lavori per allestire un centro di raccolta rifiuti. La futura isola ecologica, dalle indagini del Corpo Forestale di Trebisacce e Oriolo, pur non essendo ancora andata in funzione viene utilizzata dal Comune, da diversi mesi, a supporto della raccolta dei rifiuti solidi urbani (r.s.u.), «senza rispettare i requisiti tecnico-gestionali previsti dalle norme che disciplinano la materia». Tanto da indurre la Forestale, visto il degrado igienico-sanitario dell’area, oltre alle violazioni in materia di gestione rifiuti, ad operare un sequestro preventivo d’urgenza. Del sequestro penale ovviamente è stata interessata la Procura della Repubblica di Castrovillari e per adesso emergerebbe la responsabilità di almeno due persone del Comune.

Vincenzo La Camera

Share Button

One Response to Amendolara. Sequestrato centro raccolta rifiuti trasformato in discarica

  1. PAGANO GIUSEPPE 2016/10/27 at 18:38

    Sono immagini non belle a vedere e situazioni che non dovrebbero mai accadere.Mi auguro che venga posto subito rimedio a un simile scempio e che i responsabili, tutti ,si assumano le proprie colpe.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *