Redazione Paese24.it

Rossano-Corigliano e… Cassano? Sindaco Papasso propone fusione a tre

Rossano-Corigliano e… Cassano? Sindaco Papasso propone fusione a tre
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Si è tenuto, nella serata di venerdì 28 ottobre, l’ennesimo incontro a Rossano per discutere della paventata fusione tra la città bizantina e la città ausonica. Il comitato delle cento associazioni pro-fusione dei comuni di Corigliano e Rossano, ha incontrato i sindaci del territorio, tra cui quello di Cassano allo Jonio, Rossano e Mirto-Crosia, ma anche alcuni assessori e consiglieri comunali dei diversi comuni del territorio. Assente giustificato, per impegni istituzionali, il sindaco di Corigliano Calabro, Giuseppe Geraci, che ha delegato alcuni suoi rappresentanti della giunta comunale a partecipare all’incontro nella città bizantina. Alla riunione hanno preso parte, inoltre, il consigliere regionale, On. Giuseppe Graziano, e l’On. Franco Sergio.

Tanti gli argomenti affrontati: dal sistema infrastrutturale alla costituzione dell’area vasta, dalla sanità alla viabilità, dal turismo all’agricoltura, dallo sviluppo al lavoro. Temi condivisi da quanti hanno preso parte all’interessante incontro-dibattito. Il sindaco di Cassano allo Jonio, Gianni Papasso, ha manifestato, nel corso del suo intervento, la volontà di una fusione a tre e chiede ufficialmente l’inclusione. Il consigliere Graziano chiarisce che la proposta di legge, presentata nei giorni scorsi nel corso dell’ultimo consiglio regionale, predispone l’apertura ad altri comuni, ma in una fase successiva e gradualmente. “Farlo ora a processo avanzato – ha dichiarato Graziano – rischia di frenare la proposta Corigliano-Rossano”.

Dall’incontro, dunque, è emerso la volontà di portare avanti l’iter burocratico per quanto riguarda la fusione tra i due più importanti comuni della Piana di Sibari, Rossano-Corigliano, al fine di guardare ad un domani migliore in un territorio che, negli ultimi anni, ha dovuto fare i conti, purtroppo, con alcune scelte politiche mai condivise dai cittadini dell’intera area-urbana e non solo.

Antonio Le Fosse

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *