Redazione Paese24.it

Terremoto, sindaco di Trebisacce tra i firmatari dell’appello per Piano Rigenerazione Territorio

Terremoto, sindaco di Trebisacce tra i firmatari dell’appello per Piano Rigenerazione Territorio
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Nella foto, crolli ad Amatrice (Rieti)

Anche il sindaco di Trebisacce, Franco Mundo, ha sottoscritto l’appello per chiedere un Piano di Rigenerazione del territorio in seguito agli ultimi eventi sismici verificatisi nell’Italia centrale. La missiva è rivolta al Presidente della Repubblica, al Presidente del Senato, al Presidente della Camera, al Presidente del Consiglio, ai Ministri dell’Ambiente, dei Beni Culturali e Ambientali, delle Infrastrutture e Trasporti. I terremoti non sono prevedibili ma sicuramente la loro potenza distruttrice può essere contrastata semplicemente rispettando le regole che già lo Stato italiano annovera.

Hanno sottoscritto l’appello, in qualità di promotori dell’iniziativa, Alessandro Bianchi  (urbanista, Rettore UniPegaso, direttore “Scuola di Rigenerazione Urbana”), Enzo Boschi (sismologo, già presidente INGV), Remo Calzona (ingegnere strutturista, Università Roma “La Sapienza”), Giovanni Cannata (economista agrario, Rettore UniMercatorum), Massimo Cialente (sindaco de L’Aquila), Emanuele Greco (archeologo, direttore “Scuola Archeologica Italiana di Atene”), Eugenio Lo Sardo (storico, direttore “Archivio Centrale di Stato”), Franco Mundo (sindaco di Trebisacce), Agostino Nuzzolo (ingegnere, ordinario di trasporti Università Roma “Tor Vergata”), Bernardino Primiani (architetto, presidente “Unione Nazionale Italiana Tecnici Enti Locali”), Francesco Paolo Rizzi (storico, segretario Generale UNIMED), Enzo Scandurra, (ordinario di Urbanistica, Università Roma “La Sapienza”), Roberto Troncarelli (presidente Ordine Geologi Lazio). Secondo costoro ci vorranno probabilmente più di vent’anni e serviranno più di 100 miliardi di euro per mettere in sicurezza il Paese.

Vincenzo La Camera

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *