Redazione Paese24.it

Completata bonifica ferriti a Cerchiara e Cassano. Adesso c’è l’amianto killer che fa paura

Completata bonifica ferriti a Cerchiara e Cassano. Adesso c’è l’amianto killer che fa paura
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

La notizia che è stata finalmente completata la bonifica dalla ferrite di zinco dei siti incriminati delle località “Chidichimo” e “Tre Ponti” di Cassano Jonio e “Capraro” di Cerchiara di Calabria, al confine con il comune di Francavilla Marittima, è stata accolta con soddisfazione nei suddetti centri e nei paesi limitrofi. Troppi anni sono infatti passati dal 1999, anno in cui sono state scoperte le discariche di ferrite ritenuta altamente tossica proveniente come materiale di risulta dalla “Pertusola” di Crotone e interrata nelle viscere della Sibaritide con la complicità della politica del tempo.

opera-di-bonifica-in-corsoMa può considerarsi davvero finito, si chiedono in tanti, l’incubo delle popolazioni locali se le morti per patologie neoplastiche continuano a mietere vittime in tutti i paesi della Piana ed in particolare nei comuni che gravitano intorno a quella zona? E’ sicuro che le eco-mafie non abbiano inquinato altre aree? E se dalla ferrite quei paesi si sono liberati, perché continuano a morire di tumore tante persone, compresi tanti giovani? Che fine ha fatto, ci si chiede ancora, il “registro dei tumori” di cui si parla dall’epoca dell’Asl n. 3 di Rossano? Domande inquietanti, queste, che meriterebbero dalle istituzioni risposte certe, controlli più accurati e interventi coerenti nei confronti di chi inquina e mette a rischio la salute dei cittadini.

Ci si riferisce in particolare all’amianto che viene smaltito in modo furtivo nelle discariche abusive e nei posti più impensati. Basta farsi un giro nelle periferie dei nostri paesi per scoprire la presenza di amianto sotto forma di lastre, di tubi, di canne fumarie, di serbatoi dismessi. Per non parlare della massiccia presenza di coperture di amianto di diversi capannoni industriali posti a breve distanza dalle abitazioni. Perché gli ambientalisti tacciono? Perché i sindaci, in quanto responsabili della salute pubblica, non si vestono d’autorità e perseguono gli abusi a norma di legge? Perché tanta tolleranza nei confronti di un autentico killer come l’amianto?

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *