Redazione Paese24.it

Natale piccante. Amendolara mette la firma sul nuovo panettone al peperoncino

Natale piccante. Amendolara mette la firma sul nuovo panettone al peperoncino
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

L’idea prende forma a Parma ma nasce nella testa di due giovani amendolaresi doc, Giuseppe Salvatore Paladino e Antonio Montalto. Un particolare panettone al peperoncino per i palati più esigenti e curiosi. Nella testa del gastronomo Giuseppe Paladino (nella prima foto) frullava già da qualche anno questa idea. Da esperto di peperoncino sognava di realizzare qualcosa di originale.

16_modNe ha parlato con il suo amico di infanzia, Antonio Montalto (nella seconda foto), pasticcere, e via con gli esperimenti e le ricerche che hanno portato al Pepper One, il primo panettone al mondo con canditi di peperoncino di media-bassa piccantezza che si dividono la scena, o meglio la soffice pasta, con gocce di cioccolato fondente. Il prodotto viene realizzato con la collaborazione del pasticcere Claudio Gatti e sarà disponibile sul mercato da fine novembre. Per adesso solo su prenotazione (per info: 340.3847307).

antonio-montalto-2Giuseppe e Antonio vivono a Parma da diversi anni dove lavorano nel settore dell’enogastronomia. Hanno seguito un lungo percorso formativo partendo, assieme, dall’Istituto Alberghiero di Castrovillari. Al termine di una minuziosa ricerca del gusto, i due amici realizzano in laboratorio i preziosi canditi al peperoncino Jalapeño (di origine messicana)  che poi finiscono tra le mani di Claudio Gatti, ed il Pepper One è servito. Dove Pepper significa peperone in inglese e One è la parte finale del vocabolo panettone. Per un Natale che diventa piccante.

Vincenzo La Camera

Share Button

4 Responses to Natale piccante. Amendolara mette la firma sul nuovo panettone al peperoncino

  1. PAGANO GIUSEPPE 2016/11/19 at 15:17

    Sono orgoglioso di avere come compaesani questi due validi giovani.Giuseppe e Antonio sono giovani intelligenti che dopo i loro studi si sono dati da fare e hanno approfondito la loro arte.Complimenti sinceri .

    Rispondi
  2. Marcello Vivacqua 2016/11/21 at 19:31

    Complimenti ed in bocca al lupo.

    Rispondi
  3. Michele Gatto 2017/02/03 at 20:16

    Complimenti siete grandi. Mi fa davvero piacere. Saluti a tutti

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *