Redazione Paese24.it

Corigliano, la guardia costiera impegnata nell’operazione “Mare Sicuro 2012”

Corigliano, la guardia costiera impegnata nell’operazione “Mare Sicuro 2012”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Un momento della conferenza stampa della Guardia costiera di Corigliano

Parte nella Sibaritide l’operazione “Mare Sicuro 2012″. Il progetto prevede, nella stagione estiva, in occasione dell’afflusso di turisti, bagnanti e diportisti, l’intensificarsi delle attività di prevenzione e controllo, in mare e sulle spiagge, da parte della Guardia costiera di Corigliano Corigliano.

Dal 18 giugno e fino al 9 settembre il personale della Guardia costiera effettuerà servizi di pattugliamento in tandem via mare e via terra, più serrati nel periodo centrale della stagione estiva, da fine luglio alla prima metà di agosto, con controllo e vigilanza per la sicurezza della balneazione e della navigazione. Verranno impiegati complessivamente lungo tutto il tratto di costa dell’alto e basso jonio cosentino di competenza (da Rocca Imperiale a Cariati), 10 mezzi terrestri e 6 mezzi navali, per un totale di 60 uomini impiegati.

Il capo del compartimento marittimo e comandante della capitaneria di porto Antonio D’Amore, nel corso di una conferenza stampa, ha presentato l’operazione e spiegato tutte le preliminari attività disposte dal comando generale del corpo delle capitanerie di porto- Guardia costiera.

La fase operativa è stata preceduta da una preliminare attività intesa ad informare i concessionari, i circoli nautici, gli stabilimenti balneari, ma anche le associazioni e le cooperative di pescatori, sulla puntuale osservanza delle norme in materia.

«Importanti ed efficaci – ha comunicato attraversato una nota la Guardia costiera di Corigliano – sono state le conferenze presso gli istituti scolastici dello jonio cosentino improntate a divulgare presso i ragazzi delle scuole primarie e secondarie i principi di educazione civica marittima, sicurezza in mare e tutela dell’ambiente marino e costiero. Il personale della Guardia costiera ha così cercato di trasmettere, soprattutto ai più giovani, fruitori dei mare, la cultura del corretto utilizzo del mare e dell’ambiente marino e costiero in genere. Alle conferenze hanno partecipato oltre 1500 studenti in 21 istituti».

Non sono mancati, inoltre, gli incontri con la Federazione italiana imprese balneari e il sindacato italiano balneari per la condivisione delle regole anche per la stagione estiva 2012. Nel mese di giugno la capitaneria di porto ha poi emanato una nuova ordinanza che disciplina le attività ludico diportistiche nel compartimento marittimo.

Viene ricordato che le zone di mare riservate alla balneazione, dalle 8 alle 20, sono quelle sino alla distanza di 150 metri dalla battigia, in presenza di spiagge, ovvero 100 metri dalla scogliera, in presenza di coste alte a picco.

Per l’attività divulgativa saranno diffusi con il patrocinio della Provincia di Cosenza due depliant, uno per i bagnanti, “tutti al mare in Calabria”, ed uno per i diportisti, “tutti in barca in Calabria”.

Sempre con il patrocinio della Provincia di Cosenza verranno realizzati nel corso della stagione estiva, lungo il litorale dello jonio cosentino, degli infopoint mobili, allo scopo di sensibilizzare gli utenti del mare e delle spiagge ad una corretta fruizione del litorale rispettosa della sicurezza della balneazione  e dell’ambiente marino e costiero.

 

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *