Redazione Paese24.it

A Berlino la storia di un eroe rossanese, internato militare in un lager tedesco

A Berlino la storia di un eroe rossanese, internato militare in un lager tedesco
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Trova spazio anche la storia di Gennarino Scorza, originario di Rossano, Croce al merito di Guerra e Medaglia d’Onore, nella mostra “Tra più fuochi” dedicata agli internati militari italiani in Germania tra il 1943 e il 1945. Un’esposizione di oggetti e reperti unici che rievocano il dramma del totalitarismo nazista e la sciagura della Seconda Guerra Mondiale, inaugurata lo scorso lunedì 28 novembre presso il Centro di documentazione “NS-Zwangsarbeit” di Berlino, dalle parole del ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, Paolo Gentiloni: «La missione della memoria è di grandissima importanza per un’Europa che vuole guardare al futuro con la certezza di non commettere più i tremendi errori del passato».

Invitati a partecipare alla cerimonia inaugurale della collettiva berlinese promossa dall’Ambasciata italiana in Germania con il patrocinio del Ministero degli Esteri tedesco, insieme alle personalità politiche e istituzionali, anche Mario Scorza e Achiropita Titti Scorza, rispettivamente presidente e vicepresidente dell’Associazione Rossanesi nel Mondo, da sempre impegnata nella tutela e promozione dei valori della Resistenza e della memoria di Gennarino Scorza, eroe dei nostri tempi, sopravvissuto alla tragedia dei lager nazisti. 

«Si tratta – ha ricordato Achiropita Titti Scorza – di un ulteriore momento di crescita nella memoria di un uomo che con la sua dignità e il suo coraggio ha contribuito a riscattare la dignità dell’Italia, dopo l’8 settembre. Probabilmente c’è necessità, tra la nostra gente, di riscoprire e valorizzare di più la figura di questo concittadino illustre. La nostra presenza a Berlino – ha concluso – è sintomatica di un’affezione particolare verso i valori della pace, dell’uguaglianza e del patriottismo».

Federica Grisolia

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *