Redazione Paese24.it

Corigliano. Festeggiamenti in onore di Santa Barbara, patrona della Marina Militare

Corigliano. Festeggiamenti in onore di Santa Barbara, patrona della Marina Militare
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Si è celebrata oggi (2 dicembre), nella chiesa di Santa Maria ad Nives a Schiavonea, la messa in onore di Santa Barbara, patrona della Marina Militare. Alla funzione eucaristica, presieduta da don Giuseppe Straface su delega dell’arcivescovo di Rossano-Cariati, mons. Giuseppe Satriano, e concelebrata dal parroco Padre Lorenzo Fortugno, hanno partecipato il Comandante della Capitaneria di porto – Guardia costiera di Corigliano Calabro, Capitano di Fregata (CP) Canio Maddalena ed il personale militare e civile del Compartimento marittimo. Inoltre, autorità militari e civili, tra cui il vicesindaco di Corigliano, Francesco Paolo Oranges, il dirigente del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Rossano Raffaele De Marco, i Comandanti delle Compagnie Carabinieri di Corigliano e Rossano Francesco Barone e Angelo Proietti, i Comandanti della Tenenza e della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza Domenico Allevato e Alberto Mario Congedo, il Comandante della Polizia Municipale Francesco Fiore, il direttore della casa di reclusione di Rossano Giuseppe Carrà, rappresentanze dei Vigili del Fuoco, della Croce Rossa Italiana e dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia di Cosenza e di Trebisacce.

081Durante la messa, don Giuseppe ha sottolineato «le virtù eroiche della martire Santa Barbara ma anche evidenziato come l’operato della Guardia Costiera si richiami ai valori profondi di coraggio, dedizione e spirito di servizio e fedeltà alle istituzioni, che devono ispirare l’agire comune. A sottolineare come «lo spirito della protettrice Santa Barbara, di fedeltà al servizio, sproni il personale della Marina tutto soprattutto nei momenti difficili» il Comandante della Capitaneria, Capitano di Fregata (CP) ,Canio Maddalena.

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *