Redazione Paese24.it

Camera di Commercio Cosenza, in Canada “la differenza è nel gusto”

Camera di Commercio Cosenza, in Canada “la differenza è nel gusto”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

C’era anche la Camera di Commercio di Cosenza in Canada, all’evento Wine and Travel Italy Roadshow, con cui si è conclusa l’ultima tappa estera del 2016 del tour promozionale promosso dall’Ente per il mondo, con la partecipazione di aziende cosentine che hanno prodotto attività di promozione commerciale e branding. All’evento, organizzato insieme alla Camera di Commercio Italiana in Canada di Montreal, ha partecipato il presidente dell’Ente camerale, Klaus Algieri, con il segretario generale, Erminia Giorno.

i-presidenti-e-i-segretari-generali-di-cosenza-e-montrealLa differenza è nel gustoil tema della manifestazione, che ha accompagnato per due giorni le imprese partecipanti durante gli incontri svoltisi con rappresentanti, agenti e importatori locali, sommelier e buyers, ma anche con chef e ristoratori canadesi. La manifestazione di Montreal, dedicata agli amanti del buon vino, del buon cibo e ai consumatori appassionati di enoturismo, ha messo in evidenza le qualità dei prodotti cosentini e le bellezze del territorio. Esperti assaggiatori, ristoratori e importatori di prodotti alimentari, tour operator, hanno espresso considerazioni di favore nei confronti del vino cosentino, importanti per una possibile presenza sul mercato canadese. Qualità apprezzate anche da giornalisti, bloggers, conduttori radio e tv canadesi che hanno partecipato alle diverse sessioni. Durante la manifestazione è stato proiettato il documentario Theater of Life, del regista Peter Svatek, nato da un’idea dello chef Massimo Bottura e ispirato all’iniziativa del refettorio Ambrosiano di Milano, dove molti chef si sono riuniti per trasformare gli sprechi alimentari in pasti per i più bisognosi. 

«La nostra Camera – ha sottolineato il presidente della Camera di Commercio Cosenza, Klaus Algieri – punta molto sul valore aggiunto che generano le fiere internazionali per le imprese locali, specie se si guarda alle continue evoluzioni dell’economia mondiale e sul crescente interesse per il Made in Italy».

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *