Redazione Paese24.it

Trebisacce, iniziati lavori riqualificazione Punto Primo Intervento

Trebisacce, iniziati lavori riqualificazione Punto Primo Intervento
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Sono finalmente iniziati da qualche giorno i tanto attesi lavori al “Chidichimo”. Tutti, a questo punto, si augurano che essi possano preludere alla graduale riapertura dell’ospedale anche se è difficile essere ottimisti perché per la ri-apertura del presidio sanitario, a favore della quale si è pronunciato da diversi mesi il Consiglio di Stato, ci vuole ben altro che l’investimento di 180mila euro per i lavori che sta eseguendo l’Impresa “Alvima srl” di Cosenza. Si tratta di riqualificare e mettere a norma gli attuali ambienti occupati dal PPI (punto di primo intervento) a partire dalla igienizzazione dei pavimenti e delle pareti, al rifacimento dei bagni e ad altri lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza delle attrezzature elettro-medicali.

Si tratta insomma di lavori di riqualificazione di ambienti che col passare degli anni sono invecchiati e non danno più le necessarie garanzie funzionali e igienico-sanitarie. Chi è più ottimista si lascia andare all’enfasi sostenendo che appena finiti i lavori il PPI come per incanto diventerà un Pronto Soccorso presidiato h/24 da medici, anestesisti e specialisti. Certo, si parte dai lavori a quello che si spera possa diventare il nuovo Pronto Soccorso ma mai come in questo caso il condizionale è d’obbligo perché a demolire il blocco operatorio ed a chiudere l’ospedale hanno impiegato pochi giorni, ma di riaprirlo e di rimediare al grossolano errore compiuto qualche anno addietro se ne parla ormai da anni.

Per poter parlare di ospedale e di degenza per “acuzie” non bastano dunque i… pannicelli caldi dei lavori che si stanno eseguendo ma ci vogliono finanziamenti sostanziosi non solo per i lavori strutturali agli ambienti ed alla tecnologie, ma soprattutto per il reclutamento del personale necessario. Il tutto, ovviamente, sotteso dalla volontà politica di riaprire veramente l’ospedale e colmare il deserto sanitario determinatosi in tutto l’Alto Jonio a partire dal 31 marzo 2012.

Oggi, come è noto, si è tornato a parlare dell’ospedale nuovo della Sibaritide come la panacea di tutti i problemi sanitari di questo pezzo di Calabria. Se ne torna a parlare ormai in forma ciclica, salvo poi a rimettere il progetto nel cassetto per rispolverarlo in occasione delle prossime tornate elettorali. Fanno bene, allora, quanti sostengono che si potrebbe spendere la metà di quelle risorse per ri-funzionalizzare i quattro ospedali pre-esistenti (Corigliano-Rossano-Trebisacce e Cariati), metterli in rete e farne “gli ospedali riuniti della Sibaritide”, evitando lo sperpero di denaro pubblico, mettendo al bando i doppioni delle Divisioni e  valorizzando ciascun presidio attraverso opportune specializzazioni. Quelle stesse specializzazioni che oggi mancano nella nostra regione e che obbligano tantissimi calabresi a continuare a fare i migranti della sanità ed a partire verso altre destinazioni e altri ospedali che vengono foraggiati dalle scarne risorse della Calabria.

Pino La Rocca

Share Button

One Response to Trebisacce, iniziati lavori riqualificazione Punto Primo Intervento

  1. PAGANO GIUSEPPE 2016/12/15 at 15:59

    Parlare della ristrutturazione dei servizi igienici del PPI di Trebisacce è riduttivo.Ritengo importante,invece,parlare della possibile e logica riorganizzazione dei quattro presidi ospedalieri esistenti.L’Ospedale Unico,poi ospedale Nuovo,poi ospedale della Sibaritide e poi chissà quale altro nome da dare al grosso,grande e meraviglioso presidio ospedaliero da costruire tra Corigliano e Rossano.Sono già alcuni anni che se ne parla e chissà per quanti anni ancora se ne parlerà.Per l’apertura,poi, di questo fantomatico Ospedale bisognerà aspettare come minimo il prossimo secolo.Allo stato attuale:Ospedale di TREBISACCE CHIUSU;Ospedale di CARIATI chiuso;gli Ospedali di Rossano e CORIGLIANO che stanno scoppiando.Non ci sono posti letto e viene scippato ai cittadini il diritto alla salute.Intanto,però,si ristrutturano i servizi igienici del PPI del Chidichimo.Mi verrebbe da eclamare:andate a ……

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *