Redazione Paese24.it

Finanziamenti Europei, dal GAL al PAL. Prime adesioni per Alto Jonio

Finanziamenti Europei, dal GAL al PAL. Prime adesioni per Alto Jonio
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

I comuni di Trebisacce, Villapiana e Amendolara hanno aderito al nascente “Piano di Azione Locale della Sibaritide” – Società consortile a responsabilità limitata che è il nuovo organismo comunitario destinato a prendere il posto del Gruppo di Azione Locale (G.A.L.) ed hanno approvato, in consiglio comunale, l’Atto costitutivo  e lo Statuto societario. Seppure a fatica e tra non poche resistenze, si vanno dunque definendo i contorni del nuovo Pal che intende uscire, seppure a fatica, dai confini più angusti dei Gal per diventare il PAL dell’intera Sibaritide, con un’area geografica che va da Rocca Imperiale a Cariati che abbraccia circa 40 comuni piccoli e grandi tra cui Corigliano e Rossano.

4-motions

Il cammino verso la fusione dei 3 Gal pre-esistenti (Alto Jonio-Sila Greca e Basso Jonio) non è semplice perché nell’unificazione degli organismi direttivi sono in ballo diverse poltrone, ma la strada è quella e bisogna farsene una ragione. E’ infatti l’Unione Europea, da cui provengono gran parte dei finanziamenti, a dettare le regole: non si programma più per singoli comuni e neanche per piccoli ambiti territoriali, ma per “aree vaste” e per territori omogenei, com’è appunto il territorio che va da Rocca Imperiale a Cariati, con un’area geografia distribuita sull’asse mare-monti, con una storia comune, quella della Magna Grecia e con enormi potenzialità da capitalizzare attraverso progetti integrati e sovra-comunali.

A tirare le fila di questo faticoso processo di unificazione territoriale è il vice-presidente dell’ex Gal Alto Jonio “Federico II” Franco Durso, grazie al quale il Gal Alto Jonio ha conosciuto una stagione di successi, con circa 40milioni di investimenti di fondi strutturali, di cui hanno beneficiato ben 47 aziende appartenenti ai 14 comuni del Gal Alto Jonio. I P.A.L., come del resto i Gal, come è noto, nascono come sostegno all’agricoltura, alle attività rurali e al turismo ed hanno come asse portante il partenariato pubblico-privato, una strategia rivelatasi vincente perché tende a generare un circuito virtuoso tra l’imprenditoria privata e le istituzioni pubbliche. In questa ottica la regione Calabria, già all’inizio del 2016, ha approvato il P.S.R. 2014-2020.

Pino La Rocca

Share Button

One Response to Finanziamenti Europei, dal GAL al PAL. Prime adesioni per Alto Jonio

  1. Giuseppe Ricucci 2016/12/27 at 08:50

    Al posto del GAL un altro carrozzone politico, di cui nessuno sente il bisogno, ma solo per garantire posti di potere a ex sindaci che continuano a vivere di politica.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *