Redazione Paese24.it

Castrovillari. “C’ere ‘na vota”… il mondo di Giuseppe Maradei

Castrovillari. “C’ere ‘na vota”… il mondo di Giuseppe Maradei
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

“C’ere ‘na vota”… il mondo di Giuseppe M. Maradei, poeta, regista, scrittore, drammaturgo e attore castrovillarese fondatore del Teatro della Sirena, prematuramente scomparso lo scorso mese di aprile, che ha tradotto in versi una cultura, quella più tradizionale, fatta di credenze, storie di un tempo e “maschere fisse”, come topoi plautiani che rispecchiano i personaggi di un tempo (“I dui cumpari, ‘u vurpacchiu ‘nvidïusu”), o situazione quasi grottesche nella loro veridicità (“U vattìsimu d’ ‘a pupa”, “Malasciorta”, “A grazia”). Nel suo libro postumo – con prefazione a cura di Leonardo Alario – presentato pochi giorni fa, il maestro Maradei descrive la realtà castrovillarese e lo fa anche attraverso detti popolari tramandati di generazione in generazione. Versi in dialetto che custodiscono il linguaggio dell’anima, un patrimonio linguistico divenuto simbolo dell’essenza di una comunità, che non si dimentica. Un mondo autentico – ma che non c’è più – con persone autentiche, storie, legami… “parol’antiche, parmidie e ati scrucchji”.

“C’ere ‘na vota ‘u munnu chi c’ere. Mo’ non c’è cchiù. Tuttu è cangiatu. ‘U Timpu mariulu, senza bbone manère, ‘ha misu ‘nt’ ‘a sporta e si ll’ha carriatu”

Parole che si traducono in stati d’animo, emozioni che brillano tempi andati, ma che grazie ai versi del maestro Maradei restano lì, nero su bianco, impressi in una memoria che non andrà mai via con il tempo, dove il dialetto gioca un ruolo principale, idioma di una cultura, inno al valore della verità, parte fondante di una identità.

“E cu si nn’ è jutu, non boti cchiù arritu, nè pi’ nu jurnu, nè pi’ ‘na simmana. Mo’ tutt’ u vinu jè jut’ all’acìtu…”

Un mondo ormai diverso, scritto e vissuto senza tristezza, con un po’ di nostalgia e la dolcezza di un ricordo sempre vivo. Proprio come quello di Maradei. Maestro dentro e fuori il palcoscenico, capocomico di una vita, forse, a volte amara, che faceva di gesti e parole la sua forza, che sapeva imporre la propria personalità con arguzia.

“C’ere ‘na vota ‘u munnu chi c’ere. Tuttu allu scuru… senza gran luminère… Sine, ati genti e ate manere… pirò, ‘na vota, cu c’ere… c’ere!”

Però una volta, chi c’era… c’era!

Federica Grisolia

Share Button

One Response to Castrovillari. “C’ere ‘na vota”… il mondo di Giuseppe Maradei

  1. gianfranco longo 2016/12/29 at 16:38

    🙂

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *