Redazione Paese24.it

PD Alto Jonio a caccia del nome per le prossime elezioni provinciali

PD Alto Jonio a caccia del nome per le prossime elezioni provinciali
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Riunione di fine anno in casa Partito Democratico nel Palazzo di Città di Trebisacce per preparare le prossime elezioni di secondo grado del presidente e del consiglio provinciale che si svolgeranno il 29 gennaio 2017. L’attuale presidente della Provincia di Cosenza è il consigliere anziano facente funzioni, Graziani Di Natale, che ha sostituito il sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto. Per le province, che non sono stato affatto abolite come spesso si sente dire, votano i sindaci e i consiglieri comunali della provincia in questione. Il Pd dell’Alto Jonio si è riunito appunto per fare quadrato e per cercare di presentarsi a questo appuntamento compatto, lavorando su alcune candidature.

otium banner a

Nella stanza del sindaco Franco Mundo, hanno partecipato all’incontro coordinato dai segretari delle sezioni di Oriolo, Simona Colotta e Trebisacce, Pierfrancesco De Marco, anche il vicesindaco Andrea Petta, l’assessore Giampiero Regino, il sindaco di Rocca Imperiale Giuseppe Ranù, il sindaco di Roseto Capo Spulico Rosanna Mazzia, il sindaco di San Lorenzo Bellizzi Antonio Cersosimo e vari componenti della sua Giunta Comunale,  i consiglieri comunali di Amendolara Francesco Martorano e Mario Melfi, la segretaria Pd di Montegiordano Silvia Favoino e la segretaria Pd di San Lorenzo Bellizzi Nicoletta Pittelli, il segretario Pd di Cerchiara Livio Chidichimo e consiglieri comunali di Castroregio e Francavilla Marittima. Nei prossimi giorni il Pd territoriale chiuderà il cerchio attorno ad una rosa di nomi che dovrebbe portare al candidato dell’Alto Jonio.

Vincenzo La Camera

Share Button

2 Responses to PD Alto Jonio a caccia del nome per le prossime elezioni provinciali

  1. GIUSEPPE PAGANO 2016/12/31 at 06:06

    Questi ex democristiani,ex comunisti,ex socialisti ed ex di tutto e di più si riuniscono per i prossimi appuntamenti elettorali per prendere ,mi auguro,la meritata” batosta”.Hanno rovinato l’Alto Ionio e parlano ancora.Il loro stesso popolo li punirà.

    Rispondi
  2. Leone 2017/01/02 at 06:14

    IL popolo che punisce è quello con la P maiuscola, quello italiano, si chiama “popolicchio”

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *