Redazione Paese24.it

Diventiamo veri cittadini, per un 2017 da protagonisti

Diventiamo veri cittadini, per un 2017 da protagonisti
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Ogni vigilia di Capodanno è densa di tante aspettative per l’anno che verrà. In questo periodo storico di incertezza generale l’augurio più grande è quello di provare a diventare veri cittadini nel significato più autentico, nella consapevolezza dei diritti e dei doveri. Riappropriamoci dei nostri sogni, delle nostre vite. Collaboriamo tutti, in questa nostra amata Italia, ognuno nella sua quotidianità, a regalarci un anno migliore, un presente migliore. Rispolveriamo la cittadinanza attiva, non affidiamoci a deleghe in bianco. Non rinviamo le nostre scelte, attendendo qualcosa che mai arriverà. Proviamo anche a rischiare, con la consapevolezza di averci provato – qualora non riuscissimo – potendo così voltare pagina.

Aiutiamo le agenzie sociali come la Chiesa, la Scuola a ritrovare la retta via; non soltanto con giudizi e critiche ma con esempi che possono sembrare piccoli e inutili ma che potrebbero innescare un meccanismo virtuoso. Usciamo dalle nostre case, riscopriamo il gusto dell’amicizia. I giovani si prendano ciò che gli spetta, con la conoscenza e il sacrificio, poiché nessuno mai aprirà loro porte verso opportunità importanti. I giovani non si accontentino mai, non scendano mai a compromessi e non si fermino davanti alle prime difficoltà. La conquista lenta e decisa è quella più bella e gratificante.

Le donne sfruttino a pieno il loro potenziale e non si lascino strumentalizzare dal potere. I genitori riscoprano il valore dell’educazione ai propri figli non affidandola ad altri. Gli insegnanti ritrovino gli stimoli per condurre una professione delicata e fondamentale nella società e contribuiscano attivamente, partendo dal plesso della piccola frazione, alla ripresa della Scuola.

La Chiesa diventi finalmente vera guida per i credenti ed esempio per i non credenti. Sappia rinnovarsi nella tradizione, senza vendersi alle sirene dell’immagine pur di fare proseliti. I sindaci e gli amministratori  pensino alle importanti responsabilità a cui sono chiamati. Prima di impegnarsi in un mandato riflettano sulle effettive capacità di cui dispongono e non soltanto sul numero di voti che potrebbero ottenere.

I politicanti del Paese ritrovino il lume della ragione, guardando ai grandi politici del passato, e si impegnino a ricostruire, pian piano, il tessuto economico della nazione, lasciando ognuno piccoli e determinanti segni, e uscendo da una perenne e deleteria campagna elettorale. Ogni cittadino faccia il suo dovere nel suo mestiere e nella sua professione. Il cambiamento parte singolarmente, prima di diventare “virale”. I giornalisti imparino a raccontare il bello. A dare voce a chi non ne ha. E trovino il coraggio e le competenze per difendere la dignità professionale. E poi, riscopriamo il gusto della solidarietà vera. Spesso nascosta nel nostro vicino, nel nostro parente, nel nostro amico che non sentiamo e non vediamo più senza un motivo apparente.

Dunque auguriamoci un anno nuovo da protagonisti e non da comparse.

Vincenzo La Camera, direttore di Paese24.it

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *