Redazione Paese24.it

Pioggia di finanziamenti alle cliniche private. A Trebisacce niente ospedale per i prossimi anni

Pioggia di finanziamenti alle cliniche private. A Trebisacce niente ospedale per i prossimi anni
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

E c'è chi propone di disertare le urne alle Comunali di primavera

Download PDF

C’è delusione e sconcerto tra le popolazioni dell’Alto Jonio dopo la pubblicazione del Decreto Commissariale che ha assegnato le risorse relative alle due prossime annualità alle strutture sanitarie calabresi. Delle risorse distribuite ben 196milioni di euro sono infatti finite alle cliniche private e poco o niente è stato assegnato alla medicina pubblica tanto che in tutta l’Azienda Sanitaria di Cosenza non è stata prevista l’assunzione di alcun medico ma solo di una ventina di infermieri e di 32 OSS (operatori socio-sanitari). Con questi chiari di luna rischia dunque di tramontare definitivamente il sogno della riapertura dell’Ospedale di Trebisacce tanto che c’è già chi, lanciando una vera e propria provocazione, propone come forte forma di protesta di strappare il certificato elettorale e di disertare le urne delle Amministrative di primavera.

4-motions

Un bel pacco di Natale, dunque, per la medicina privata, ma poco o niente per la sanità pubblica che, nonostante le tante richieste avanzate per coprire i tanti buchi della pianta organica, sia per attivare nuovi servizi che per riaprire nuovi Reparti. E’ questo il caso dell’Ospedale di Trebisacce la cui riapertura, peraltro decretata dallo stesso ufficio del Commissario, non potrà certamente prendere corpo, almeno per i prossimi due anni. Ma tutta la rete ospedaliera pubblica continuerà a essere in grande sofferenza e con il rischio che anche ospedali aperti ma che risultano in grave affanno come Corigliano e Rossano, debbano chiudere i battenti per acclarata carenza di personale. Le spietate cifre riportate nel piano di ripartizione dei fondi, sottofirmato del resto dallo stesso ministero della Salute, lasciano dunque pensare che per i prossimi due anni l’ospedale di Trebisacce, ammesso che siano già impegnate come è stato ripetutamente sostenuto le somme per il ripristino delle sale operatorie, non potrà mai essere aperto senza il personale medico necessario, perché per aprire la sola Divisione di Medicina ci vogliono ben sette medici, per non parlare del Pronto Soccorso e della Chirurgia d’Urgenza che si vorrebbe attivare.

Pino La Rocca

Share Button

4 Responses to Pioggia di finanziamenti alle cliniche private. A Trebisacce niente ospedale per i prossimi anni

  1. lucy 2017/01/04 at 00:22

    Buona l’idea di strappare il certificato elettorale, magari proprio il giorno delle elezioni locali, dopo aver strappato anche la scheda elettorale, a significare la nostra indignazione nei confronti di questi politici amministratori regionali, per i quali i nostri voti sono carta straccia, come il nostro diritto alla salute! vengano a chiedere i voti, vengano a fare comizi, li prenderemo a pesci in faccia, esattamente come fanno loro! Promettono e non mantengono! Le cliniche private che avranno questa grossa fetta di finanziamenti, a chi appartengono, agli amici degli amici? alla Regione siamo governati da politici mafiosi?

    Rispondi
  2. Leone 2017/01/04 at 05:40

    Per carità, non lo fate, altrimenti moriranno dal “DOLORE”……

    Rispondi
  3. Andrea 2017/01/04 at 17:06

    Su un argomento così importante che dovrebbe raccogliere centinaia di commenti di indignazione, invece ne leggo solo due. Tutti su Facebook a postare pietanze e cretinate varie.
    Purtroppo è così e sarà sempre così perchè alla fine ognuno è contento del suo orticello.
    Tranquilli andranno tutti a votare in massa.

    Rispondi
  4. andrea accoti 2017/01/06 at 17:44

    oltre a strappare i nostri certificati elettorali,dovrebbero dimettersi tutti i sindaci interessati.questo sarà il motivo principale x la mancanza di commenti,ormai i cittadini sono stufi di essere presi x i fondelli dai nostri politici.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *