Redazione Paese24.it

Trebisacce rivive il viaggio dei Re Magi. Lo storico pastore dopo 67 anni “cede il bastone”

Trebisacce rivive il viaggio dei Re Magi. Lo storico pastore dopo 67 anni “cede il bastone”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

La comunità parrocchiale San Nicola di Mira e l’associazione culturale “L’Albero della memoria” di Trebisacce ancora in sintonia per il recupero e la salvaguardia delle tradizioni popolari. Anche quest’anno, infatti hanno riproposto il rito del Viaggio dei Re Magi al seguito delle stella-cometa che i fedeli hanno da sempre battezzato“Jàme a ttirà ‘a Stella”. Nonostante il vento gelido e la temperatura sottozero, tantissimi fedeli, nella serata che precede l’Epifania, si sono ritrovati nella Chiesa Madre per recitare quello che il prof. Piero De Vita, presidente dell’associazione, ritiene essere «uno straordinario atto di fede collettivo e una caratterizzazione storica della devozione e della memoria, capace di generare atmosfere magiche per le vie del centro storico di Trebisacce fino all’arrivo in Chiesa, tra i suoni  della zampogna, i canti e la luce vivida della Stella Cometa che guida il corteo dei Re Magi formato da pastori, suonatori e angioletti, verso la Grotta di Betlemme dove adorare la Sacra Famiglia».

otium banner a

Come per tradizione, il corteo parte alla chiamata del sacerdote Celebrante (don Alessio De Stefano) e si avvia, con un procedere lento e scandito dalle armonie della zampogna e dai suoni del “Tu scendi dalle stelle”. Ad orientarli, per tutto il cammino, la luce della Stella-Cometa che, issata sulla navata centrale, fino alla benedizione del sacerdote, alla consegna ai piedi della Grotta di oro, incenso e mirra e alla gioia dei tanti bambini e genitori presenti. Quest’anno diverse sono state le novità. In  primo luogo il numero dei Magi è passato a otto ( 4 coppie di Re e Regine). Una scelta che ha registrato, insieme alla Chiesa Madre, la partecipazione delle altre 3 parrocchie di Trebisacce, rappresentate ognuna da una coppia di Re Magi e Regine. Un cammino di fede, questo, voluto da Don Joseph Vanson parroco della Chiesa Madre S. Nicola di Mira, condiviso e apprezzato dagli altri parroci.

otium banner a

Una seconda novità è rappresentata dal rinnovamento del “team storico”: un nuovo zampognaro, il giovane Mario Aloia e un nuovo pastore, il giovane Giuseppe Bellusci che ha sostituito il decano dei pastori, il novantenne zio Giuseppe Malatacca senior che per 67 anni ha svolto il compito del pastore-guida che, con il simbolico agnellino sulle spalle, ha sempre guidato il gruppo durante il cammino per i vicoli del paese e verso l’altare, per adorare la Sacra Famiglia. Commovente la lettera inviata a Don Joseph, letta alla comunità, in cui ha annunciato la “forzata” assenza per  l’età e per la salute cagionevole. Ha espresso la volontà di passare “il bastone” che per 67 anni ha indicato la presenza o l’assenza  della Stella Cometa e lo smarrimento o ritrovamento di tutti i viaggiatori. Gli 8 magi sono stati curati come consuetudine da Domenico Aino, maestro della vestizione, che da 43 anni svolge questo ruolo con pazienza e precisione, coadiuvato da Maria Francesca Aloise e da Giuseppe Malatacca junior, responsabile da 23 anni dell’organizzazione e del corteo, mentre tutto il cerimoniale è stato coordinato nelle vesti di registi, da Paolo Torsitano e Piero De Vita.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *