Redazione Paese24.it

Castrovillari. «Presidente del Consiglio non convoca assise». Minoranza informa Prefetto

Castrovillari. «Presidente del Consiglio non convoca assise». Minoranza informa Prefetto
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

I consiglieri di minoranza del Comune di Castrovillari, Ferdinando Laghi, Giuseppe Santagada e Maria Antonietta Guaragna, hanno diffidato il presidente del Consiglio, Piero Vico (nella foto), dopo che questi ha respinto – da come informa l’Opposizione – la formale richiesta di convocare un Consiglio comunale aperto sulla vicenda dei lavoratori Femotet (avanzata lo scorso 5 gennaio), poiché “non sussiste il quorum prescritto (un quinto dei consiglieri assegnati), essendo la stessa sottoscritta solo da tre consiglieri”.

«Questa risibile motivazione – si legge in una nota delle Liste Civiche “Solidarietà e Partecipazione” – dimostra la volontà di non affrontare la vicenda da parte dell’Amministrazione a guida Lo Polito. Tale atteggiamento evidenzia, ancora una volta, che la funzione svolta dal Presidente del Consiglio non è improntata né alla neutralità né alla garanzia dell’Organo che presiede, ma risponde esclusivamente alle distorte logiche della maggioranza che lo ha eletto». I tre consiglieri diffidano dunque Piero Vico a convocare l’assise cittadina informando, inoltre, il Prefetto di Cosenza affinché «provveda, in caso di ulteriore inerzia, a convocare d’imperio il Consiglio comunale, in quanto – precisano – per la valida e legittima richiesta di convocazione dell’assise cittadina è sufficiente la richiesta da parte di tre consiglieri comunali, ossia 1/5 dei consiglieri del Comune di Castrovillari, che è pari a 3,2 (16 Consiglieri diviso 5), dovendosi poi, come è notorio, arrotondare per difetto la cifra decimale».

«Quanto accaduto – concludono i consiglieri delle Liste Civiche di Solidarietà e Partecipazione – conferma che la politica degli annunci della tanto declamata pacificazione non si traduce in atti concreti neanche quando si vuole discutere delle sorti di 36 famiglie di Castrovillari, e pur di nascondere la testa sotto la sabbia si arriva a negare i diritti dei consiglieri di minoranza».

Federica Grisolia

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *