Redazione Paese24.it

Alto Jonio, agricoltura in ginocchio. Comune Trebisacce chiede stato calamità naturale per recenti gelate

Alto Jonio, agricoltura in ginocchio. Comune Trebisacce chiede stato calamità naturale per recenti gelate
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Le basse e persistenti temperature dei giorni scorsi, che nei paesi montani sono state accompagnate da straordinarie nevicate, nelle zone costiere hanno provocato estese gelate che hanno prodotto ingenti danni alle colture tipiche in tutto l’Alto Jonio. Per questo motivo il sindaco di Trebisacce Franco Mundo, su istanza degli agricoltori locali, ha sollecitato formalmente la Regione Calabria perché il ministero delle Politiche Agricole e Forestali riconosca lo stato di calamità naturale per venire incontro alle legittime aspettative degli agricoltori che hanno visto compromessa buona parte dell’annata agraria.

Si tratta in particolare delle colture tipiche di questo territorio ed in particolare degli agrumi, tra cui il rinomato “Biondo tardivo”, le fave, i piselli e più in generale i prodotti orto-frutticoli. L’atto ufficiale, oltre che al Presidente dell’esecutivo regionale e al Dipartimento Agricoltura della Regione Calabria, è stato trasmesso al Servizio-Agricoltura di Cosenza e all’Ufficio Agricolo di Zona che ha sede a Trebisacce. Tra gli altri adempimenti d’istituto il sindaco Mundo ha reso noto che, nell’ambito dei servizi sociali a sostegno delle classi più disagiate e compatibilmente con le risorse disponibili, il Comune ha emanato un “Avviso Pubblico” per consentire a chi ha stipulato un contratto di affitto per civile abitazione di beneficiare di un contributo messo a disposizione dal Comune a sostegno delle spese di locazione.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *