Redazione Paese24.it

Gestione rifiuti Alto Jonio. Niente Unione dei Comuni, niente finanziamenti regionali

Gestione rifiuti Alto Jonio. Niente Unione dei Comuni, niente finanziamenti regionali
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Piano regionale per la gestione dei rifiuti: fatta fallire sul nascere l’Unione dei Comuni “La Via del Mare” restano fuori quasi tutti i comuni dell’Alto Jonio perché troppo piccoli per accedere singolarmente ai finanziamenti. La Regione Calabria, nel corso del mese di dicembre 2016, per venire in soccorso dei Comuni, i cui bilanci sono appesantiti dagli oneri sempre più gravosi della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti, ha approvato e finanziato, con ben 35milioni di euro, il Piano Regionale per i Rifiuti ed il Piano Regionale-Amianto, ma vi possono accedere solo i comuni superiori a 5mila abitanti per cui nell’Alto Jonio ne possono beneficiare solo Trebisacce e Villapiana che superano questa soglia. Gli altri comuni dovranno aspettare, se mai ci sarà, la seconda tranche dei finanziamenti.

Ecco allora riproporsi nel dibattito politico e forse suscitare qualche inutile pentimento, la fine ingloriosa dell’Unione dei Comuni “La Via del Mare” che, seppure costituita giuridicamente e vissuta tra una serie di tribolazioni per alcuni anni, in realtà non ha mai preso campo e mai dispiegato gli effetti positivi per cui era stata pensata e varata. Ne facevano parte i 6 comuni rivieraschi (Rocca Imperiale, Roseto Capo Spulico, Amendolara, Trebisacce, Villapiana e Francavilla Marittima) rimasti fuori, proprio perché paesi costieri, dalla Comunità Montana dell’Alto Jonio ridisegnata, prima di essere definitivamente abolita, dall’esecutivo regionale targato-Scopelliti. L’Unione dei Comuni, pensata proprio per la gestione associata dei servizi, oltre a salvaguardare la coesione territoriale e politica, ruolo per lunghi anni svolto dalla Comunità Montana, oggi avrebbe consentito ai comuni più piccoli di beneficiare dei finanziamenti. Anche perché i paesi dell’Alto Jonio già allora avevano avanzato la proposta di gestire i rifiuti in proprio. Per la verità qualche sindaco sostiene che “giuridicamente” l’Unione dei Comuni non è stata mai sciolta e per questo pare si voglia “interrogare” il Prefetto. Forse è tardi però per rimediare ad un grave errore strategico commesso forse per la mania di non voler cedere neanche un minimo della propria sovranità municipale.

Pino La Rocca

Share Button

2 Responses to Gestione rifiuti Alto Jonio. Niente Unione dei Comuni, niente finanziamenti regionali

  1. GIUSEPPE PAGANO 2017/01/20 at 17:54

    L’unione dei Comuni ” LA VIA DEL MARE “voluta dai paesi amministrati dalla sinistra è fallita perchè irrazionale ,inconcludente e ,oserei,anticostituzionale.L’Italia è il Paese dei Comuni.Io sono Amendolarese e voglio continuare a esserlo.La spazzatura deve essere pagata da tutti i cittadini e se questi politicanti sono incompetenti sarebbe opportuno che andassero a casa.

    Rispondi
  2. lucy 2017/01/20 at 21:45

    Concordo e sottoscrivo. Di cosa hanno paura i politici locali? Di perdere il potere? Lo perderanno comunque, perchè quando dovranno far fronte al problema dei rifiuti e al connesso e obbligato aumento della tarsu, (visto che è fallito anche il progetto della raccolta differenziata che non è mai stata avviata e non partirà nemmeno in futuro) saranno i loro stessi concittadini a mandarli a casa!
    L’unione dei Comuni non farebbe perdere l’identità ai rispettivi cittadini, ma permetterebbe agli stessi Comuni di potenziare e migliorare i servizi, che così ai cittadini costerebbero anche di meno! Se i Comuni non si uniscono, saranno obbligati a farlo, pena la scomparsa come enti locali, nonchè la perdita dei finanziamenti! meditate, amministratori locali, meditate!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *