Redazione Paese24.it

Corigliano, il Comprensivo “Erodoto” diventa atelier creativo

Corigliano, il Comprensivo “Erodoto” diventa atelier creativo
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

foto di repertorio

A Corigliano Calabro gli spazi delle Scuole primarie e secondarie di primo grado diventano atelier creativi. L’Istituto Comprensivo “Erodoto” si è aggiudicato il bando per un progetto che mette la creatività al centro del percorso di crescita degli studenti. Ad entrare nel dettaglio, la dirigente scolastica Susanna Capalbo. «E’ un progetto – spiega la preside – che prefigura la realizzazione di uno spazio destrutturato e flessibile, composto da arredi e attrezzature che si possono comporre e scomporre in forme diverse a seconda delle esigenze del docente e della lezione. Il modello si sviluppa sul metodo della “classe scomposta”, che prevede la prevalenza del lavoro per gruppi rispetto a quello individuale, il superamento delle organizzazioni precostituite basate sulla centralità della cattedra e un rapporto collaborativo tra docente e ragazzi».

L'IC "Erodoto"

L’IC “Erodoto”

Nel plesso “Amerise” nascerà, dunque, la prima aula-casa: accogliente, confortevole, personale ma aperta alle interazioni. I banchi, ad esempio, verranno spostati lungo le pareti. Alcuni di essi saranno collocati fuori dall’aula in un vicino corridoio, dove gli allievi potranno studiare individualmente; sono state, poi, ipotizzate postazioni per poter leggere; altre per guardare i film in modo collaborativo, costruire e-book o fare web conference. La cattedra sarà spostata in fondo all’aula con accanto una bacheca con le griglie di valutazione e gli orari dei docenti delle altre classi in modo che i ragazzi possano spostarsi o interagire con altri studenti o altri insegnanti durante le lezioni.

Lo spazio delle aule e della scuola diventeranno, così, occasione di educazione “al bello” e alla “passione per la vita”. «Un percorso – aggiunge la Capalbo – in cui design, sapere ed esperienza si incontrano dentro e fuori le mura. In uno spazio cosi configurato lo studente può trovarsi a seguire una lezione sul web condotta da un compagno di un’altra classe, per poi essere a sua volta docente in una classe nella quale si incontrano tante età diverse». Il progetto si realizzerà in collaborazione con il Centro Studi Impara Digitale di Bergamo che curerà la formazione dei docenti da coinvolgere nel progetto.

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *