Redazione Paese24.it

La festa di San Leone a Saracena, religione e storia popolare

La festa di San Leone a Saracena, religione e storia popolare
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

La tradizione si rinnova a Saracena con la festa di San Leone, che animerà il borgo del Pollino tra musica, “fucarazzi” e identità cultura. Una cerimonia religiosa ma anche un vero e proprio rito antropologico che domenica (19 febbraio) entrerà nel vivo, alle ore 18, con la processione e il saluto dei fedeli al Santo Patrono. Poi l’accensione del grande Falò dell’Accoglienza per dare il benvenuto a residenti e visitatori che durante tutta la notte affolleranno le strade e i vicoli del paese, riscaldati ed animati dai “fucarazzi”, intorno ai quali si ritrovano parenti e amici. In piazza, inoltre, balli popolari, degustazione di piatti, stand gastronomici. I festeggiamenti termineranno lunedì (20), giorno dedicato al Santo Vescovo, che sarà omaggiato con tre funzioni religiose. Le due Sante Messe, al mattino, alle ore 9 e alle ore 11, e nel pomeriggio la celebrazione solenne alle ore 18.

SANLEONE2013 (1)«La festa di San Leone a Saracena è, senza dubbio, una delle più belle e intense, complesse e avvincenti che si svolgono nei mesi invernali in Calabria e nel Mezzogiorno d’Italia». È così per Vito Teti, professore di Antropologia Culturale presso il dipartimento di Studi Umanistici dell’Università della Calabria, che affida suggestioni, atmosfere e tutto il fascino di un rito ancestrale che resiste nel tempo, al saggio “La Festa di San Leone a Saracena/Schegge di umiltà.

SANLEONE2013 (4)«Evviva S. Leone»… L’invocazione augurale – scrive Teti per l’edizione 2016 della festa – era trascinata, urlata, ripetuta da centinaia di persone, in tempi e in modi diversi, nel mezzo di salti, girotondi, danze, comportamenti e gesti che evocavano antichi riti di possessione e di guarigione. Il rientro in chiesa e la sistemazione della statua del santo sull’altare maggiore era, come avrei verificato negli anni successivi, il momento più intenso e problematico: le persone di tutte le età si spingevano l’altare tra urla, spinte, balli, invocazioni. Dopo un lento e lungo addio al Santo, i fedeli uscivano a gruppi e alla spicciolata e andavano verso le loro case, in bassi e i vicoli trasformati in enormi cucine e trattorie aperte e all’aperto attorno agli enormi falò che, accesi al passaggio della statua, venivano alimentate con cataste di legna. (..)».

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *