Redazione Paese24.it

Castrovillari. “Potere & Poteri” racconta trent’anni di politica in Calabria

Castrovillari. “Potere & Poteri” racconta trent’anni di politica in Calabria
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Retroscena, inciuci, frasi non dette, incontri non svelati della politica calabrese degli ultimi trent’anni. Oltre duecento pagine in cui il giornalista Attilio Sabato mette a disposizione dei lettori aneddoti, interviste, narrazioni private, atteggiamenti, modi di fare, altrimenti chiusi in archivi ormai inutilizzati. Il libro “Potere & Poteri. Backstage della politica calabrese” è stato presentato dallo stesso autore, Attilio Sabato, ieri (15 febbraio) a Castrovillari, alla presenza, inoltre, del vescovo di Cassano all’Ionio, mons. Francesco Savino, del docente Unical Enrico Caterini, che ne ha scritto la prefazione, di Filomena Minella Bloise e Pasquale Pandolfi, rispettivamente presidente e vicepresidente dell’Accademia Pollineana, organizzatrice dell’evento, e del sindaco di Castrovillari, Domenico Lo Polito.

7114s0-IiALPer comprendere il titolo del nuovo lavoro letterario è proprio il prof. Caterini ad attuare una distinzione tra “potere” e “poteri”. Utilizzato al singolare il termine si rifà ad una politica non condivisa che genera soggezione; il rovesciamento si ha quando questo potere si frantuma assumendo carattere plurale e condiviso. «I poteri – precisa Caterini nel suo intervento – includono i doveri. Ed è proprio questo che manca nelle storie narrate: esse non conoscono il senso del dovere. Altra degenerazione – continua il docente universitario – è l’astrazione della politica che supera il senso della verità. E’ un libro-denuncia perché rende tangibile lo stato di degrado del nostro principio di democraticità».

L’autore racconta una Calabria che non ha fatto alcun passo in avanti. «Nel libro – spiega Attilio Sabato durante l’incontro – non esiste il popolo, se non nel momento in cui bisogna intercettare il consenso. E il popolo si ricorda della politica solo per chiedere in cambio favori». Una politica che nella stanza dei bottoni «non discute mai di sanità, di turismo o istanze della regione ma solo di gerarchie di potere, perché tanto – continua il giornalista – il voto arriva in una terra che, in realtà, vive di politica».

E sull’importanza di reagire in maniera organica e collettiva, mettendo al centro il popolo, si sofferma mons. Savino. «Serve una politica alta e altra – ha dichiarato il vescovo di Cassano all’Ionio – e, dunque, una rivoluzione culturale e antropologica. Spesso sono le dinastie politiche a schiavizzare il popolo calabrese. Il potere ha sempre bisogno della sudditanza e ha paura dell’esercizio libero della coscienza dei cittadini che devono riscoprire, così, il protagonismo politico. Il merito dell’autore – secondo il presule – risiede nella sua curiosità e nella capacità di analizzare gli avvenimenti attraverso una narrazione che oscilla tra cronaca e sarcasmo, in un periodo in cui la mancanza di verità, spesso, viene attribuita proprio ai giornalisti». «I giovani che fuggono da questa terra – conclude mons. Savino parlando di sentimento di tristezza – sono il segno tangibile della politica del potere e del potere della politica».

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *