Redazione Paese24.it

Castrovillari. «Maggioranza ha perso la bussola per amministrare»

Castrovillari. «Maggioranza ha perso la bussola per amministrare»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

«I comitati di quartiere, “cavallo di battaglia” della maggioranza e dell’amministrazione Lo Polito, nonché di un “assessore senza portafoglio”, sono franati sotto la totale incapacità di predisporre e avviare il nuovo organismo». Tornano sul punto all’ordine del giorno discusso nell’ultimo consiglio comunale, Ferdinando Laghi, Giuseppe Santagada e Maria Antonietta Guaragna delle Liste Civiche di “Solidarietà e Partecipazione”, sottolineando che «nelle modifiche apportate al regolamento, mancava l’unica cosa utile e necessaria per poter tentare, nuovamente, di far partire tutti i comitati di quartiere e, cioè, di prevedere la riapertura dei termini, per raccogliere le nuove adesioni dei cittadini interessati». Il riferimento è ad alcuni direttivi mai costituiti o incompleti a causa delle dimissioni di oltre la metà dei membri.

Ciò che contestano, poi, i consiglieri delle Civiche è il quorum del 50% da raggiungere quando, terminato il “periodo di prova” dei membri scelti un anno fa, saranno i cittadini a dover eleggere, ogni tre anni, i propri rappresentanti di quartiere. Una scelta «ridicola» secondo Laghi, Guaragna e Santagada, considerato, ad esempio, che «alle ultime amministrative si sono recati alle urne poco più del 50% di tutti i cittadini di Castrovillari». La proposta delle Civiche è, dunque, quella di abolire la soglia minima (pari a quella necessaria in un referendum abrogativo) per rendere valide le votazioni.

«Il fallimento dell’amministrazione Lo Polito – dichiarano i tre consiglieri – e della sua “maggioranza” ormai in frantumi, è evidente; non riescono a trovare la bussola per amministrare Castrovillari. L’ultimo fallimento – aggiungono – si è registrato all’incontro tenutasi il 15 febbraio fra l’amministrazione comunale, la società Femotet, e le parti sociali. L’estremo, ultimo, tentativo per evitare un probabilissimo contenzioso milionario fra la società ed il Comune di Castrovillari; il tavolo si è concluso con un nulla di fatto».

Intanto si aspetta il Consiglio comunale del prossimo 21 febbraio quando si discuterà del flop alle ultime elezioni provinciali e si farà il punto sulla situazione della maggioranza consiliare in seguito alle dichiarazioni del consigliere dei “Progressisti” Peppino Pignataro [LEGGI].

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *