Redazione Paese24.it

Castrovillari. Cyberbullismo, studenti a processo. Ma è una simulazione

Castrovillari. Cyberbullismo, studenti a processo. Ma è una simulazione
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

nella foto il tribunale di Castrovillari

Studenti dell’Itc “Pitagora” a scuola di legalità. Alcuni di loro, infatti, hanno simulato di essere parti attive in un processo di cyberbullismo presso un’aula del tribunale di Castrovillari. L’iniziativa rientra nel progetto “Ciak: un processo simulato per evitare un vero processo”, da anni organizzato dal Tribunale per i Minori di Catanzaro, e a Castrovillari coordinato dalla docente di diritto, prof.ssa Patrizia Mauro. Lo scopo è quello di far prendere coscienza ai giovani interpreti – dalla vittima agli imputati, dal Pm ai testimoni e agli avvocati – della portata di azioni che spesso sono sottovalutate ma possono avere conseguenze anche drammatiche.

unnamedGli alunni della 1 B A.F.M: Altimari, Bruno, Di Franco, Carriuolo, Di Mare, Lo Caso, Guaragna, Fusaro, Valente, Durante, Di Sanzo, Palazzo, Donadio e Rugiano (2C), Giannitelli (3A), Sara Iannibelli, Giuseppe Impieri e Martina Donato hanno impersonato, per un paio di ore, una vicenda dolorosa che vedeva protagonista una ragazza vittima di bullismo, dopo essere stati preparati dalla loro docente Mauro, con la collaborazione della prof.ssa Giuliana Stabile.

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *