Redazione Paese24.it

Disturbi dell’apprendimento. All’Ipsia di Trebisacce uno Sportello d’ascolto

Disturbi dell’apprendimento. All’Ipsia di Trebisacce uno Sportello d’ascolto
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

All’Ipsia “Aletti” di Trebisacce sarà disponibile uno Sportello d’ascolto aperto a tutto il territorio: scuole, famiglie, studenti, associazioni. Lo sportello d’ascolto nasce con l’esigenza di far fronte alle necessità di quegli studenti e bambini con difficoltà di apprendimento. Ma anche dei genitori che volessere saperne qualcosa in più su una tematica molto complessa e per la quale ancora non tutte le scuole sono attrezzate a dovere. Lo sportello d’ascolto, che sarà disponibile il 1^ e il 4^ martedì di ogni mese dalle 10 alle 11, è stato presentato ieri (giovedì) all’Ipsia nel corso dell’incontro “Impariamo ad apprendere” (nella foto). Dopo l’introduzione del prof. Piero De Vita e i saluti istituzionali del dirigente scolastico, Marilena Viggiano e del sindaco di Trebisacce, Franco Mundo, hanno preso la parola gli esperti della materia, in qualità di tutor e pedagogisti: Lella Cecere, Maria Direnzo e Luigi Arcovio che hanno illustrato i DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento), come la dislessia o la disgrafia, proponendo varie metodologie per affrontarli partendo dalle legge 170/2010 “Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico”.

Da sinistra ???, Iacovo, Direnzo, Viggiano, Mundo

Da sinistra: Cecere, Arcovio, Direnzo, Viggiano, Mundo

L’incontro rivolto maggiormente a genitori e insegnanti è servito a quarciare ulteriormente un velo su qeuste problematiche che vanno affrontate senza pudore per il bene del bambino o ragazzo, sin dagli esordi sui banchi di scuola. Significativa la testimonianza di una mamma che ha raccontato i disagi di suo figlio, purtroppo non capìti dalla scuola che lo riteneva semplicemente pigro nello svolgere il proprio dovere. Oggi invece, il bambino, che frequenta la quinta elementare è seguito da insegnati consapevoli delle sue difficoltà. Numerosi i personaggi famosi con difficoltà di apprendimento o con caratteristiche dislessiche: dai musicisti Mozart e Beethoven; agli artisti Michelangelo Buonarrotti, Walt Dinsey o Pablo Picasso; agli scienziati Galileo Galilei e Albert Enistein; sino a Napoleone Bonaparte o Giulio Cesare. Un bambino dislessico «non è affatto un ciuccio», ma il più delle volte ha una spiccata intelligenza che deve essere gestita dagli isnegnanti, dai genitori e dai tutor con le dovute competenze.

Vincenzo La Camera

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *