Redazione Paese24.it

Trebisacce, Corso Vittorio dice addio all’isola pedonale. Tornano le auto sulla via più antica

Trebisacce, Corso Vittorio dice addio all’isola pedonale. Tornano le auto sulla via più antica
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Cambiano gli equilibri politici in seno al “palazzo” e, di conseguenza, cambiano le scelte in materia di viabilità e di assetto urbanistico. Così Corso Vittorio Emanuele (nella foto), la strada più antica di Trebisacce, lungo la quale a partire dal primo dopoguerra sorgevano i negozi ed “i mestieri” più importanti del paese, cesserà di essere “isola pedonale” e sarà riaperto al traffico veicolare a senso unico nella direzione monti-mare. Con grande soddisfazione e sollievo dei pochi commercianti ancora in attività che, nel corso degli ultimi 5 anni, si sentivano penalizzati dal blocco del traffico ed avevano ingaggiato un vero e proprio braccio di ferro con il sindaco Mariano Bianchi che, dopo averlo riqualificato attraverso una serie di costosi interventi, aveva destinato Corso Vittorio ad isola pedonale permanente. In realtà nessuno, nonostante i deboli tentativi, era riuscito nel corso di questi anni a cambiare le abitudini dei trebisaccesi, in particolare dei giovani, ed a trasferire il luogo del passeggio e dello “struscio” da via Lutri a Corso Vittorio, come sognava il sindaco Bianchi, per cui Corso Vittorio, immaginato come un antico “decumano”, un’arteria di epoca romana posta lungo l’asse est-ovest, da cui si può ammirare il mare da una parte ed i monti dall’altra, risultava perennemente deserto. Per dirimere la questione, nel corso di questi ultimi anni, si era addirittura pensato ad un piccolo referendum, ma alla fine altri problemi più importanti hanno preso il sopravvento ed oscurato la questione che oggi viene ripresa con una soluzione che farà contenti i commercianti e che, si spera, possa conferire decoro e prestigio all’antico Corso Vittorio.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *