Redazione Paese24.it

Turismo, via libera alla tassa di soggiorno a Cariati

Turismo, via libera alla tassa di soggiorno a Cariati
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

«Migliorare accoglienza, offerta e competenze»

Download PDF

A Cariati Comune e operatori turistici dicono “sì” alla tassa di soggiorno. Al Consiglio comunale tenutosi pochi giorni fa è seguito un incontro, nei locali del Centro Sociale della città, con i commercianti e gli operatori del settore. Erano presenti anche i rappresentanti di Confcommercio, Confesercenti e i proprietari dei villaggi turistici della zona. Tutti si sono dimostrati favorevoli all’introduzione della tassa, avanzando la comune richiesta di «pubblicizzare al meglio il cambiamento».

«L’obiettivo principale che ci siamo posti – ha dichiarato il sindaco, Filomena Greco – è quello di fare in modo che la città si apra a un nuovo concetto di turismo, più professionale e innovativo. Puntiamo a creare le condizioni perché si lavori tutto l’anno in questo settore».

«Il nostro intento – ha spiegato il delegato al bilancio e presidente del Consiglio comunale Francesco Cosentino – è sì di rispondere all’esigenza improrogabile di riequilibrare il bilancio, ma di farlo in modo intelligente. La tassa non grava né sui cittadini né sugli operatori. Però, perché i turisti vengano, dobbiamo garantire servizi adeguati. I soldi che riusciremo a ricavare dall’imposta, e che quindi non andremo a sottrarre all’erogazione di altri importanti servizi, ci serviranno per migliorare sempre di più l’accoglienza, per puntare sul marketing turistico, in modo che chi viene ospitato vada via soddisfatto. E magari ritorni».

Federica Grisolia

 

Share Button

One Response to Turismo, via libera alla tassa di soggiorno a Cariati

  1. Antonio 2017/06/11 at 10:45

    Salve, ho appurato dell’entrata in vigore dell’Imposta di Soggiorno a Cariati e volevo semplicemente esprimere il mio disappunto circa le tariffe giornaliere alquanto elevate, in media 3€ al giorno a fronte di 1,50€ di Roma e Rimini, 0,50€ di Tropea o addirittura 0,00€ di Forte dei Marmi. Se il fine ultimo è quello di garantire una maggiore qualità dei servizi, da Calabrese, dico ben venga, io verrò a soggiornarvi cmq con un incremento di 20€ per soli tre giorni ed avendo bambini piccoli, ma per una famiglia tipo di 4 pax con figli oltre i 12 anni un imposta di soggiorno a Cariati per 7 notti in un villaggio a 4 stelle pari a 84€, oggi come oggi è un bel deterrente….non penso proprio siano questi gli accorgimenti che dovremmo attuare per favorire e incrementare un turismo di qualità nella nostra stupenda Regione…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *