Redazione Paese24.it

Tra storia e buona tavola. A Morano si studiano i nuovi turismi (FOTOGALLERY)

Tra storia e buona tavola. A Morano si studiano i nuovi turismi (FOTOGALLERY)
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Prove di turismo di qualità a Morano Calabro, in uno dei borghi più belli d’Italia. Alcuni giornalisti (tra cui noi di Paese24.it), tour operator e cluster di storia e cultura locale sono stati protagonisti di un tour esperienziale nel paesino alle falde del Pollino per “valutare” un progetto ambizioso messo in campo, in questa fase di startup, dall’organizzazione no profit di Milano, Planet Life Economy Foundation di concerto con il dipartimento Turismo della Regione Calabria e con il supporto logistico del Comune di Morano, del sindaco, Nicolò De Bartolo, e del consigliere Rocco Marrone.

DSCN9325Il progetto Eurosen (Europe for Seniors) punta a stimolare pratiche di turismo per anziani, target particolarmente attratto dal “viaggio lento” contornato di cultura, storia, tradizioni ed enogastronomia di qualità: veri punti di forza del Pollino, che è stata scelta come unica zona d’Italia al pari di altri territori in Austria, Slovenia e Romania. I comuni del Pollino che hanno aderito a questo progetto pilota sono stati Altomonte, Civita e Morano.

E proprio nel paese con la “Bandiera arancione” venerdì sera si sono tirate le somme dell’iniziativa che, dopo la fase di accompagnamento, prevede ora la creazione di un’associazione tra comuni e partner privati per realizzare dei pacchetti turistici ad hoc. La “simulazione” del tour è partita dal Chiostro di San Bernardino per poi accompagnare gli ospiti con un minibus sino al Castello che domina il borgo e per poi snodarsi per le viuzze del centro storico ascoltando storie e aneddoti dalla guida e cluster locale, Antonio Parrilla. Dopo la visita al “Museo di Storia dell’Agricoltura e della Pastorizia”, il tour è terminato all’agriturismo “La Locanda del Parco”. Qui nell’accogliente salone, gli ospiti, accolti attorno al focolare della signora Adriana, padrona di casa, hanno apprezzato la preparazione della polenta con peperoni cruschi e broccoli realizzata al momento all’interno di un pentolone sul fuoco per poi essere degustata con un bicchiere di vino.

DSCN9361L’idea è quella di un turismo partecipativo, dove l’ospite, al termine della vacanza, rientra a casa con un bagaglio di conoscenze e tradizioni, che poi sono l’anima della nostra Italia. Inutile rincorrere un turismo di massa, difficilmente realizzabile in questi territori per l’assenza di infrastrutture, collegamenti e numero importante di posti letto. Il turismo dei sensi, invece, punta ad alzare l’asticella intercettando target di fascia medio-alta, con flussi provenienti anche e soprattutto dall’estero.

La “Locanda del Parco”, in perfetto stile quaresimale (dato il giorno di venerdì), è stata accompagnata da intermezzi musicali con zampogne e danze popolari e altri strumenti a corde realizzati da maestri liutai, creando un vero simposio partecipato tra ospitati e ospitanti alla base di questo nuovo modello turistico. Sulla tavola prodotti della terra rivisitati, come la cipolla Igp di Tropea, le frittelline di cavolfiore, verdura, le tradizionali “lagane” (tagliatelle) con i ceci, che da queste parti si cucinano in onore di San Giuseppe. I sapori di ieri, punto di forza per il turismo di domani.

Vincenzo La Camera

GUARDA LA FOTOGALLERY

Share Button

One Response to Tra storia e buona tavola. A Morano si studiano i nuovi turismi (FOTOGALLERY)

  1. Biagio Giuseppe Faillace 2017/03/21 at 10:18

    Complimenti agli organizzatori e soprattutto alla brava amica Adriana Tamburi. Speriamo che la primavera porti a Morano nuovi fiori e soprattutto nuovi frutti. Me lo auguro in modo particolare per i giovani! Buon lavoro! Un abbraccio.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *