Redazione Paese24.it

Nuova Ss 106. Sindacati provano a coinvolgere sindaci nella mobilitazione

Nuova Ss 106. Sindacati provano a coinvolgere sindaci nella mobilitazione
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Continuano gli incontri tra le parti interessate ai lavori per la nuova Ss 106 dopo che il progetto è stato per il momento bocciato dalla Corte dei Conti. I sindacati Fillea Cgil – Filca Cisl – Feneal Uil, con i rappresentanti regionali e territoriali, hanno incontrato i sindaci dei comuni interessati alla cantierizzazione dell’opera: Roseto Capo Spulico (Mazzia), Amendolara (Ciminelli), Albidona (Di Palma), Trebisacce (Mundo), Francavilla Marittima (Bettarini), Cerchiara (Carlomagno) e Cassano all’Ionio (Papasso), ribadendo la volontà, già anticipata in una conferenza stampa nei giorni scorsi, di intraprendere un percorso duraturo di mobilitazione che coinvolga cittadini, lavoratori e istituzioni.

17440486_10212652061164332_591036235_nI sindaci si sono recati a Roma presso il Ministero delle Infrastrutture ma non hanno avuto modo di parlare con il ministro Delrio; appuntamento, questo, che i sindacati invocano a gran voce con l’obiettivo di capire definitivamente se ci sono ancora margini per poter aprire i cantieri del Terzo Megalotto. Il sunto dell’incontro tra sindaci e sindacati a Trebisacce consiste nella decisione comune di «non fermarsi nel percorso di mobilitazione fino a quando le risposte da Roma non avranno un esito positivo e chiaro sull’avvio dei cantieri. La Calabria non può aspettare, l’impegno preso con i calabresi merita rispetto e non si faranno sconti nel caso non venga mantenuto».

Vincenzo La Camera

Share Button

4 Responses to Nuova Ss 106. Sindacati provano a coinvolgere sindaci nella mobilitazione

  1. Giuseppe Pagano 2017/03/22 at 12:21

    Questa della nuova ss 106 è destinata ,come l’Ospedale di Trebisacce,a diventare una telenovelas infinita.I sindaci dei paesi dell’Alto Ionio farebbero meglio a tacere e a preoccuparsi invece dei rispettivi paesi afflitti da una miriade di problemi.Sono andati a Roma e sono tornati peggio di prima.I sindacati andassero a lavorare invece di continuare a parlare inutilmente.Quando capirete che la nuova SS 106 ,per adesso,è stata congelata?Ci vuole poco!

    Rispondi
  2. Giuseppe Ricucci 2017/03/22 at 18:03

    La solita rassegnazione di chi al Sud vuole che le cose non cambino mai, che è meglio difendere gli interessi di pochi (i soliti notabili) anziché i diritti di tutti i cittadini per la sicurezza stradale, per il lavoro e per il riscatto sociale. Tutta la popolazione dei comuni interessati, in primis i sindaci – che dovrebbero minacciare le loro dimissioni se in tempi brevi non arriveranno risposte certe da parte delle autorità competenti – dovranno mobilitarsi per la realizzazione di un’opera che non è più procastinabile.

    Rispondi
  3. PAGANO GIUSEPPE 2017/03/23 at 09:18

    La rassegnazione arriva quando è presente l’impotenza a determinare l’esito positivo e quindi la risoluzione di qualsiasi problema.Per fare una
    opera pubblica necessita tanto denaro che il nostro Governo di sinistra non ha.Se poi qualcuno si vuole mobilitare è libero di farlo ma di sicuro non otterrà niente.

    Rispondi
  4. Giuseppe Ricucci 2017/03/23 at 13:13

    Questo è solo un atteggiamento rinunciatario. Ecco perché la Calabria, e soprattutto l’Alto Ionio, non vanno avanti. Che brutto pensare: non facciamo nulla, perché tanto non otterremmo nulla. Con questo atteggiamento nichilista, l’umanità non avrebbe ottenuto mai alcuna conquista.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *