Redazione Paese24.it

Basso ionio, a rischio aiuti per i danni del maltempo invernale

Basso ionio, a rischio aiuti per i danni del maltempo invernale
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Parte di lungomare franato a Mandatoriccio nello scorso inverno

Sono a rischio i fondi destinati al basso ionio, per far fronte ai danni del maltempo dello scorso inverno. Desta preoccupazione, infatti, una nota diramata dal sottosegretario Franco Torchia, dove evidenzia la mancanza di risorse, da parte del Ministero dell’ambiente, per far fronte a queste problematiche. La questione è stata ribadita anche lunedì presso la provincia di Cosenza,  nel corso di un incontro ad hoc, tra i sindaci dei comuni colpiti e il Presidente Oliverio.

Non ha mancato di esprimere la sua amarezza per questa situazione il sindaco di Mandatoriccio, Angelo Donnici.

«Mi lascia molto preoccupato la recente nota del sottosegretario Torchia – ha dichiarato il sindaco – nella quale si comunica che la Protezione Civile non ha rinvenuto nessun tipo di risorsa per il dissesto che ci ha colpito nei mesi scorsi. Numerose e gravi questioni – ha aggiunto Donnici – restano aperte e drammatiche. Dal cimitero pericolante all’erosione costiera per la quale è stato anche presentato un progetto alla regione, dal lungomare completamente danneggiato e sistemato in parte a spese del comune alla frana di via Cessia, con 10 famiglie sgomberate. La situazione è oggettivamente allarmante. Chiediamo e speriamo – ha continuato Donnici – in un intervento immediato, per la messa in sicurezza delle abitazioni. I problemi persistono e temo rischi serissimi in vista della stagione autunnale. Come sindaco mi sento esasperato. Ci auguriamo – ha concluso il primo cittadino di Mandatoriccio – che l’appello di lunedì venga accolto dal presidente della Regione Giuseppe Scopelliti che, per funzioni istituzionali, deve farsene carico. Siamo sicuri che lo farà. Mi auguro che nel giro di qualche settimana, potremmo avere qualche conferma positiva per iniziare a lavorare e governare quanto meno l’evidente emergenza».

 

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *