Redazione Paese24.it

Ospedale Castrovillari. «Rispetto per il diritto alla salute. Basta scippi»

Ospedale Castrovillari. «Rispetto per il diritto alla salute. Basta scippi»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

A sei mesi dalla fiaccolata, le sei associazioni aderenti al “Comitato territoriale per la tutela della salute e dell’Ospedale di Castrovillari” (Associazione Famiglie Disabili, AVIS, Associazione Volontari Ospedalieri, Medici Cattolici, Non Più Soli, Solidarietà e Partecipazione) denunciano «un ulteriore scippo» al nosocomio del Pollino, a seguito del provvedimeno che decreta il trasferimento di due dei quattro ortopedici a Paola. «L’ambulatorio di Ortopedia, funzionante finora mattina e pomeriggio, è stato, per questo motivo, già chiuso nella fascia pomeridiana. Per avere nuovi ortopedici (di per sé già difficili da trovare) all’Ospedale di Castrovillari – sottolineano le associazioni – bisognerebbe aspettare una nuova autorizzazione del Commissario Scura, un nuovo concorso, nuovi vincitori, nuove nomine. Insomma, situazioni tutte estremamente incerte e tempi biblici, anche se tutto filasse liscio. Nel frattempo, anche il concorso per il primario langue».

«Questi i fatti, che nessun “ragionamento”, nessuna “rassicurazione”, nessun “discorso” possono modificare. Anche se a farli è il sindaco di Castrovillari, Domenico Lo Polito, di concerto con le dichiarazioni del direttore generale dell’Asp. A contare sono, appunto, i fatti; le chiacchiere stanno a zero. Scippo è, e scippo resta. Nei confronti dell’Ospedale di Castrovillari, delle popolazioni del comprensorio, del diritto alla salute». Le associazioni – riservandosi ogni iniziativa di mobilitazione – chiedono «l’immediato ritiro del provvedimento, la contestuale riapertura dell’ambulatorio pomeridiano di Ortopedia e l’espletamento urgente, con relativa nomina del vincitore, del concorso a direttore dell’Ortopedia di Castrovillari».

A manifestare disappunto è anche il circolo locale di Forza Italia. «L’unica certezza – dichiarano il coordinatore cittadino, Roberto Senise, e il responsabile dipartimento Sanità, Luigi Sommella – è che la popolazione castrovillarese e quella dei paesi limitrofi continua ad essere derisa e maltrattata eludendo il diritto alla salute».

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *