Redazione Paese24.it

Passa da Trebisacce la video-inchiesta sulla donazione del sangue cordonale

Passa da Trebisacce la video-inchiesta sulla donazione del sangue cordonale
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

“In cosa consiste la donazione del sangue del cordone ombelicale? La pratica della raccolta del sangue cordonale ha delle conseguenze sulla salute del neonato? A chi appartiene il sangue del cordone ombelicale? A chi appartengono le cellule staminali contenute in questo sangue? Le donne sono correttamente informate sulla natura di questa donazione? Quanto costa al Servizio Sanitario Nazionale la raccolta e la conservazione del sangue cordonale? Esistono alternative efficaci a questa donazione?” Sono alcune domande a cui si impegna a dare delle risposte la video-inchiesta sulla donazione del sangue cordonale organizzata dal “Comitato per il Rispetto dei Diritti dei Neonati” (CoRDiN), che sarà proiettata in contemporanea nazionale venerdì 7 aprile.

Ha aderito all’iniziativa anche il gruppo “Mamme a sostegno della buona nascita” di Trebisacce che proietterà dunque l’inchiesta “Sangue del suo sangue” di Amyel Garnaoui e Angelo Loy alle 17 presso la sede dell’associazione culturale “Rizoma”. Il sangue placentare contiene cellule staminali emopoietiche. Numerosi studi e sperimentazioni hanno confermato – sostiene il Ministero della Salute – la possibilità di utilizzare il sangue prelevato dal cordone ombelicale come fonte alternativa di staminali emopoietiche a scopo di trapianto. Il film è viaggio in Italia alla ricerca delle figure coinvolte in tale complessa realtà: madri, ostetriche, ginecologi, ricercatori, politici, magistrati, associazioni, pazienti, alla luce delle più recenti ricerche scientifiche.

Redazione

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *