Redazione Paese24.it

Trebisacce, l’ultimo saluto alla Dirigente Palopoli

Trebisacce, l’ultimo saluto alla Dirigente Palopoli
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Il mondo della scuola ha riservato l’ultimo saluto, il più triste, alla Dirigente scolastica Silvana Palopoli, venuta a mancare, a seguito di un male incurabile, nel pomeriggio di giovedì. Silvana Palopoli, 50 anni, era originaria di Lauropoli (Cassano Jonio) anche se ormai da diverso tempo viveva a Trebisacce. Era stata Dirigente nell’ultimo periodo, prima della malattia, dell’Istituto Professionale della cittadina jonica; ma aveva guidato anche l’Istituto Comprensivo di Altomonte (comune che le aveva attribuito nel 2006 la cittadinanza onoraria) e la Direzione Didattica 3^ circolo di Cassano Jonio – Sibari. Laureata in Pedagogia, aveva vinto il concorso per direttore didattico nel 1996. Persona dinamica e professionale, ha lasciato un segno indelebile in tutte le scuole e in tutti gli ambienti formativi che l’hanno vista protagonista. Tanta gente si è stretta attorno al suo ricordo nelle esequie di venerdi pomeriggio a Trebisacce. Silvana Palopoli ha interpretato con spirito propositivo il ruolo del Dirigente Scolastico, anticipando la realizzazione della managerialità e dell’innovazione nella scuola.

Vincenzo La Camera

Share Button

8 Responses to Trebisacce, l’ultimo saluto alla Dirigente Palopoli

  1. Pietro Adduci 2012/06/30 at 16:21

    E’ triste,per me,scrivere di Silvana Palopoli al passato, dopo averla ammirata in questa foto che la ritrae in mezzo ai “suoi” bambini della primaria. L’ho conosciuta ad Albidona, io vicario della Direzione Didattica e lei maestra al primo o secondo anno di insegnamento.
    Bella e piena di vita; fine poetessa mi legò a Lei una immediata simpatia. La ascoltavo estasiato. Decisa e studiosa, la incoraggiai ad iscriversi all’Università perche’ potresse successivamente sostenere il concorso a Direttore didattico. Vinse il concorso direttivo successivo al mio e quindi ne seguii, ammirato, la brillante carriera. Non pochi furono i contatti, gli scambi di opinioni sulle nostre pene quotidiane di direttori didattici. Era in prima fila nell’organizzazione di eventi culturali e formativi. Invitata da me e dai colleghi a tenere corsi di aggiornamento, era una sicura garanzia di successo; sapeva avvincere l’uditorio ed alla fine tutti avevano ancora voglia di ascoltarla. Abituata alla lotta ed alle sfide ,sfidò se stessa e l’ethablishement ,ottenendo di dirigere l’IPSIA Aletti di Trebisacce, con ottimi risultati. L’ultima volta che l’ascoltai era ricoverata all’ospedale di Rossano ,la prima volta,dopo il malore che l’aveva colpita. Con voce flebile mi disse che la cosa era seria ma nessuno immaginava,allora, il triste epilogo di giovedi scorso .Il suo calvario è durato circa 2 anni ;ci eravamo illusi che la sua situazione fosse migliorata tanto che con altri fui contento di sapere che dopo l’ultimo Natale avrebbe ripreso servizio come Dirigente,salvo,poi,a rimanere delusi nell’apprendere che era tornata al Nord per l’ennesimo intervento. La tortura fisica che ne ha martoriato il bel corpo di donna matura era protetta dalle intrusioni anche di persone che lei avrebbe desiderato di vedere per riceverne affetto ed incoraggiamento. Ultimamente ricoverata nell’ospedale di Trebisacce, mi è stato riferito che dicesse :”aspetto!”. Ora anche Tu ti sei immolata sul Golgota della sofferenza. Il tuo corpo è chiuso nella bara ma il Tuo spirito libero,la Tua anima volteggiano nel cielo terso e caldo di questo giugno come farfalla multicolore sui luoghi dove Tu hai esplicato l’attività docente e dirigenziale e vai verso la Luce ,quella vera, senza tramonto.E la Luce Ti accoglie, dolce Amica, trasforma il corpo Tuo ridonandogli lo splendore che fu Tuo!
    Arrivederci, Silvana!

    Rispondi
  2. Maria Teresa 2012/07/01 at 15:28

    Ho un bellissimo ricordo di lei..come tutto Altomonte..non la dimenticheremo mai,sarà sempre nei nostri cuori..Addio

    Rispondi
  3. Paola 2012/07/02 at 18:02

    Impossibile non ammirarla, persona dolce e buona, non ti

    dimenticheremo mai….

    Rispondi
  4. Kina Staffa 2012/07/03 at 11:48

    Appena ti ho conosciuta ti ho istintivamente adottata come una figlia. Io, molto più grande di Te, ho sempre incoraggiato il tuo naturale talento verso mete sempre più ambite, ma sempre oneste, così come si fa con una figlia naturale.
    Per il Tuo successo spontaneo ed immediato in tutto e con tutti, per il fatto che Tu venissi considerata sempre e comunque da tutti “il numero uno”, mi sentivo tanto orgogliosa: “… l’allieva che supera la maestra”!
    … E’ andata così, Silvana! …Il vuoto che lasci è incolmabile! … non c’è dolore più grande: … assistere all’agonia e alla sepoltura di chi hai aiutato a crescere come una figlia naturale, con un affetto grande, senza riserve, sincero, pulito e non sempre a tutti comprensibile.
    Ho salutato per Te e con Te una folla di amici veri, tanti, tutti commossi e tanto, tanto addolorati!
    Non sappiamo quando…non sappiamo come, ma una cosa è certa … “NON E’ UN ADDIO, MA UN TRISTE, TRISTE ARRIVEDERCI” … Ciao Silvana!
    Con l’affetto grande e pulito di sempre … Kina

    Rispondi
    • enza zupo 2012/07/30 at 14:35

      ho appreso la notizia della sua morte in un momento molto doloroso della mia vita, la morte di mio marito all’età di 57 anni.
      silvana, allora collega a lauropoli, l’ho incontrata nel mio primo anno di ruolo, mi ha seguita, consigliata in questa mia prima fase professionale e i suoi insegnamenti sono stat per me essenziali nel mio lavoro
      era meravigliosa, professionale, disponibile io ero affascinata dalla sua persona, ho continuato ad avere contatti con lei anche dopo, sono andata a farle visita ad altomonte, ogni mio dubbio cercavo sempre lei ed ottenevo risposte nonostante i suoi impegni
      la sua scomparsa, come tutte le scomparse, che mi hanno colpito lasciano un vuoto immenso, un caro abbraccio alla sua amica china, che ho conosciuto e che saprà portare avanti l’eredità culturale e umana di silvana
      a me resta una foto ricordo con lei ma tanti insegnamenti…sono stata fortunata ad averla conosciuta ma triste per averla perduta

      Rispondi
  5. ROSANNA MIRAGLIA 2012/07/04 at 08:14

    Dal primo momento che ci siamo incontrati ho capito che eravate una persona speciale,non potrò mai dimenticare il vostro sorriso ci avete lasciato un vuoto incolmabile non vi dimenticherò mai..

    Rispondi
  6. Maria Teresa Sparano 2012/07/04 at 16:25

    Una persona davvero fantastica! Non la dimenticherò mai! Tutto Altomonte non lo farà. Addio!

    Rispondi
  7. Rosalba Guerriero 2012/07/05 at 09:53

    E’ così difficile pensare e scrivere della “mia” dirigente come di una persona che non c’è più…. è così crudele e inumano oltre che inverosimile accettare una realtà così brutale come la morte di una persona cara.
    La Dirigente Silvana Palopoli ha diretto la Direzione Didattica di Sibari per tre anni, dal 2005 al 2008 e, sia pure, in così poco tempo ha conquistato tutti…piccoli,grandi, genitori, docenti, persone colte e super colte.
    E’ stato un grande privilegio conoscerla. Ha portato la solarità e l’attivismo nella nostra comunità di Sibari, una donna eccezionale per impegno, professionalità e tanta tanta umanità; non ha mai creato distanze tra i diversi ruoli all’interno della scuola ma sempre ha trattato tutti con lealtà e amicizia. La sua dirigenza è stata all’insegna della trasparenza e della legalità di cui sempre è stata paladina convinta perché la sua forma mentis e il suo modo di essere erano autentici e resteranno di esempio. Una dirigente con un alto senso del dovere e della giustizia, una instancabile studiosa con competenze elevate e con un carisma che ti catturava dal primo momento che l’ascoltavi.

    E’ stato cos’ breve il tuo cammino su questa terra, carissima amica, ma tanto tanto intenso…lasci un grande vuoto in tutte le persone che ti hanno conosciuto e amato ma ci resta di te una grande eredità che porteremo dentro di noi e custodiremo come un gioiello prezioso: la tua autenticità e la tua bellezza interiore.
    Cara, dolce, bellissima Silvana eri una perla rara e le perle rare forse Iddio le vuole vicino a sé. A noi umani non è possibile conoscere i disegni divini e forse il tuo disegno era già stato tracciato.
    Io sono profondamente e sinceramente addolorata per la tua scomparsa, in te io avevo, oltre che un’amica, un’altra sorella e come tale ti ho voluto e ti vorrò sempre bene. Resterai sempre nel mio cuore.
    Nella tua infinità bontà, ora che sei nella Luce Divina prega per tutti noi e perdonaci se, per troppo affetto, a volte abbiamo violato la tua privacy.
    Arrivederci mia carissima dirigente e amica Silvana.

    Rosalba Guerriero

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *