Redazione Paese24.it

Trebisacce. Candidati a sindaco promettono campagna elettorale sui programmi. Bianchi inaugura sede

Trebisacce. Candidati a sindaco promettono campagna elettorale sui programmi. Bianchi inaugura sede
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Amministrative dell’11 giugno a Trebisacce: evitare le polemiche e le ingiurie personali e confrontarsi solo sulle idee e sui programmi evitando così le risse verbali. E’ l’appello lanciato all’unisono da due dei candidati a sindaco, e precisamente dal primo cittadino in carica Franco Mundo che guiderà la lista “Vivere Trebisacce” e da Paolo Accoti che, da sfidante alla guida della lista “La Svolta”, tenterà di impedire la sua conferma alla guida del Comune per altri cinque anni. Si tratta di buoni propositi influenzati dalla pax pasquale, o del tentativo di scongiurare sul nascere la consueta bagarre elettorale che in passato è spesso sconfinata in offese e insulti personali? Lo sapremo fra poco più di 20 giorni e precisamente da sabato 13 maggio a mezzogiorno, allorquando scadrà il termine per la presentazione delle liste e si aprirà ufficialmente la campagna elettorale.

Intanto l’ex sindaco Mariano Bianchi, funzionario della Sovrintendenza Regionale, rimasto in stand-by nel corso di quest’ultima consiliatura, scende in campo ripristinando lo stesso slogan e lo stesso nome di “Trebisacce Libera” che gli ha portato fortuna nel 2007 e inaugurando, come prima cosa, la sede del proprio movimento situata sul centralissimo Viale della Libertà. Mariano Bianchi è partito cronologicamente in ritardo rispetto agli altri candidati a sindaco, ma pare intenzionato a bruciare le tappe e, pur non disdegnando di incontrare gli schieramenti con i quali condivide il proposito di impedire la riconferma degli amministratori in carica, sembra rigare dritto e deciso verso l’appuntamento elettorale per riprendere, come lui stesso ha precisato, il cammino amministrativo che si è interrotto qualche mese prima della scadenza del mandato per mano di alcuni dei suoi ex compagni di cordata che gli hanno tolto la fiducia andando a firmare le proprie dimissioni davanti al notaio. Una ferita, quella che, come lui stesso ha ricordato, non si mai è rimarginata e che lo ha spinto a rimettersi in gioco e riprendersi la sua rivincita. A fare da cornice al taglio del nastro, insieme a tanti giovani che Mariano Bianchi ha deciso coinvolgere e di rendere protagonisti nel suo progetto politico, oltre alla dr.ssa Rosa Novielli che è stata la prima e unica sindaca-donna di Trebisacce, alcuni dei suoi ex compagni di cordata rimastigli fedeli, come l’ex assessore a Sport e Turismo Antonio Cerchiara, allora come ora suo autentico braccio destro ed Enzo Grillea, anche lui, da quanto si vocifera, candidato in modo diretto o indiretto, nella lista “Trebisacce Libera” che si dice pronta a condurre la propria battaglia alla conquista del comune.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *