Redazione Paese24.it

Tumore al seno. All’Ospedale di Castrovillari arriva la mammografia in 3D

Tumore al seno. All’Ospedale di Castrovillari arriva la mammografia in 3D
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

foto di repertorio

All’Ospedale “Ferrari” di Castrovillari nuovo alleato contro il tumore al seno. Si tratta della tomosintesi, tecnica di imaging tridimensionale ad alta definizione, che permette di ottenere immagini in 3D e di ricostruire figure volumetriche. Il reparto di Radiologia, centro di secondo livello per lo screening mammografico, diretto dal dottor Leonardo Perretti, incrementa così la sua capacità diagnostica.

La tomosintesi supera i limiti diagnostici della mammografia convenzionale 2D dovuti alla sovrapposizione del tessuto fibroghiandolare. La rivoluzione di questa tecnica è, infatti, la possibilità di studiare la mammella anche nella terza dimensione (la  profondità), evitando la sovrapposizione delle strutture; spesso, infatti, molti tumori si “nascondono” dietro il normale  tessuto ghiandolare e diventano visibili solo quando raggiungono dimensioni decisamente  maggiori.

Rispetto a un mammografo convenzionale, la struttura dello stativo è modificata per permettere alla sorgente radiogena di ruotare ed eseguire radiografie del seno a diversi angoli di proiezione; le immagini digitali, acquisite a bassa dose, sono poi processate per ricostruire gli strati a diversa profondità riuscendo a rilevare anche i più piccoli  tumori della mammella. Un risultato che aumenterà l’accuratezza diagnostica e darà la possibilità di individuare e curare prima possibile anche i tumori più difficili e che risulterebbero «invisibili» con l’esame tradizionale.

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *