Redazione Paese24.it

Roseto. Da bambino con la telecamera di papà. Adesso è regista per un programma RAI

Roseto. Da bambino con la telecamera di papà. Adesso è regista per un programma RAI
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Come ritrovarsi a fare il regista per un format di approfondimento condotto dalla giornalista Concita De Gregorio. E’ successo a Pietro Giampietro, giovane videomaker di Roseto Capo Spulico. Pietro è figlio d’arte. Il padre, Rocco, è un pioniere nell’Alto Jonio di produzioni audio-visive e fotografiche e già dall’età di sette/otto anni, Pietro, inevitabilmente, ha iniziato a “smanettare” con le telecamere. Giampietro ormai vive a Roma da qualche anno dove ha trovato pane per i suoi denti e gratificazioni professionali che nella terra natìa restano un miraggio.

Quest’anno cura la regia di “FuoriRoma”, un programma innovativo, sia nelle riprese che nei contenuti, prodotto da Hangar Tv, che racconta le storie e le iniziative degli amministratori e dei sindaci della provincia italiana che tentano di non far crollare il Paese. Il programma, che va in onda su RaiTre nella seconda serata del lunedì, quest’anno è giunto alla sua seconda edizione. Pietro, per la prima, si era già occupato delle riprese, adesso il salto di qualità. «Anche quest’anno – racconta a Paese24.it – avevo iniziato a lavorare sulle riprese. Quando un bel giorno mi sento dire: “La vorresti firmare la regia?”». Il suo primo lavoro completo di riprese e montaggio lo ha “firmato” a 13 anni quando realizzò un video sulla pesca per la sua scuola, il Geometra. Adesso a 31 anni, la firma di una regia per “Mamma Rai”.

Da Italia’s Got Talent a Master of Photography per le reti Sky, passando per alcuni spot pubblicitari realizzati anche per la RAI. Nell’estate del 2013 un suo videoclip girato (assieme al suo socio Marco Castaldi) per il Comune di Roma, “I Charleston Roma”, ha spopolato sul web a ritmo di swing, raccontando di un gruppo di ragazzi che in una sorta di flash mob hanno invaso i luoghi simbolo della Capitale sulle note si swing e lindy hop.

Anche la vecchia TV si apre necessariamente alle nuove tecnologie e il free lance Pietro Giampietro incarna proprio questo nuovo modo di “girare” e di “montare”: veloce ma attento ai dettagli. «Mi piacererebbe raccontare le tradizioni dell’Alto Jonio soprattutto quelle enogastronomiche che i nostri anziani custodiscono. Ma mi attirano anche i murales di Montegiordano». Intanto si gode la sua prima volta da regista per un programma che conta. Cameraman, operatore di droni, video editor, tutte qualifiche che Pietro Giampietro si porta dietro, senza dimenticare la macchina da presa sempre in spalla.

Vincenzo La Camera

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *