Redazione Paese24.it

Rossano, funerali giudice Madeo. Tanta gente e autorità per l’ultimo saluto in cattedrale

Rossano, funerali giudice Madeo. Tanta gente e autorità per l’ultimo saluto in cattedrale
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Il giudice Madeo

Ieri sera (martedì), all’interno della Cattedrale nel centro storico di Rossano, c’è stato l’ultimo saluto al Presidente emerito dei tribunali di Rossano e Cosenza, dott. Antonio Madeo, alla presenza di molte autorità, giudici, avvocati, forze dell’ordine, sindaci del territorio, amici, parenti, semplici cittadini. Il giudice Madeo, così chiamato comunemente da tutti, era nato a Longobucco e da anni risiedeva nella città di Rossano. Persona colta, stimata da tutti, aperta sempre al dialogo e al confronto, sempre presente a tutte le iniziative socio-culturali: l’ultima sua apparizione pubblica è stata in occasione dell’Ordinazione Episcopale di S.E. Mons. Franco Milito, all’interno dello stadio comunale “Stefano Rizzo” di Viale Sant’Angelo, lo scorso 13 maggio. Molti i telegrammi di cordoglio arrivati alla famiglia, in queste ultime ore, dal sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, al Rettore dell’Unical, La Torre, i quali hanno voluto manifestare il loro profondo dolore per la scomparsa del giudice Madeo. «Esprimo innanzitutto le più sincere condoglianze ai familiari del dott. Madeo – ha dichiarato La Torre – che ho avuto modo di apprezzare per l’equilibrio delle sue azioni e l’altissimo senso del dovere che hanno sempre caratterizzato il suo ruolo e la sua responsabilità di Presidente del Tribunale di Cosenza. Ricordo, poi, l’affettuosa vicinanza e l’attenzione che il dott. Madeo ha sempre avuto nei confronti dell’Università della Calabria – prosegue nella sua riflessione il Rettore dell’Unical – da lui considerata un presidio ineludibile ed un riferimento essenziale nel lavoro e nell’impegno istituzionale finalizzato alla crescita civile, culturale e sociale della regione».

Dello stesso avviso è il primo cittadino di Cosenza, Mario Occhiuto, il quale ha dichiarato: «E’ con profondo dispiacere che apprendo della scomparsa di Antonio Madeo, uomo eccelso ed esempio di magistrato di grande valore, senza alcun dubbio un riferimento per i più giovani. Ci lascia una personalità di conclamato spessore che, con il suo operato di servitore dello Stato umile e riservato, tanto ha contribuito a dar lustro alla nostra città – afferma il sindaco Occhiuto – come del resto testimonia il conferimento della cittadinanza onoraria che il Consiglio comunale nel 2010 intese attribuirgli a titolo della sua brillante carriera ma anche del solido legame instaurato con Cosenza e con i cosentini». Al termine del rito funebre, celebrato da don Antonio De Simone (Vicario generale della diocesi di Rossano-Cariati), il feretro è stato accompagnato da lunghi applausi. All’uscita dalla Cattedrale vi era anche un picchetto d’onore formato da Vigili Urbani, Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Capitaneria di Porto, Corpo Forestale dello Stato, Vigili del Fuoco.

Antonio Le Fosse

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *