Redazione Paese24.it

Castrovillari. Tutto il rosa del Giro

Castrovillari. Tutto il rosa del Giro
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Prima erano solo voci, poi, cinque mesi fa, la presentazione ufficiale. Castrovillari sarebbe stata città di partenza della 7^ tappa del Giro d’Italia numero 100. La notizia passa di bocca in bocca e, nel giro di poco tempo, diventa l’evento più atteso dell’anno. Post su facebook con tanto di hashtag #giro100, manifestazioni, vetrine, tutto diventa rosa, persino l’acqua zampillante di una rotatoria in città. Si asfaltano le strade interessate, si pulisce il “verde”, «perché quando passa il Giro almeno sistemano le vie».

Trascorrono i giorni e quell’evento tanto atteso diventa realtà. Dopo un giovedì di preparativi e allestimenti, arriva il 12 maggio. Il traffico è limitato, sin dalle prime ore del mattino le strade sono occupate da gente che percorre le aree interessate dalla Corsa Rosa. Fotografi e giornalisti accreditati, ospiti, cittadini che non vedono l’ora di godersi lo spettacolo. Scuole chiuse. Perché, dopo vent’anni, Castrovillari torna ad essere città di tappa. E’ il Giro delle maschere, quelle che, rievocando la manifestazione clou, hanno fatto mostra di sé, dei Gruppi Folkloristici che si sono esibiti prima del passaggio dei “girini”. Di un’intera città in vetrina mondiale. E’ il Giro dei bambini. Con le loro magliettine rosa, la mascotte, con i cappellini … che sorridono e si guardano intorno stupiti e divertiti.

E’ il Giro della carovana che arriva a tutto clacson e dei ciclisti, i grandi protagonisti che raggiungono il piazzale dell’autostazione sui pullman delle loro squadre. Tra i 191 beniamini, Vincenzo Nibali, il lucano Domenico Pozzovivo. E, a sorpresa, due maglie rosa. Oltre a Bob Jungels, si vocifera la presenza di un divo americano. E non è una bufala. Si tratta proprio di lui. Scende dal pullman rosso, come se appartenesse ad un team, Patrick Dempsey, protagonista della fortunata serie tv “Grey’s Anatomy” e ora testimonial di una nota compagnia telefonica. Castrovillari diventa, così, una piccola Hollywood, dove a sognare sono le fan, tutte pazze per il dottor Derek in sella alla sua bici.

Dopo l’arrivo delle squadre all’autostazione, i corridori hanno raggiunto il podio firme fino alla partenza su via Roma tra la folla entusiasta. Cellulari in alto, tablet, macchine fotografiche, qualche selfie per l’occasione, corsa ai gadget, foto dai balconi, fischietti e tanta gioia. Sono questi i colori del Giro. Sono questi i colori di una grande festa.

Federica Grisolia

SFOGLIA LA FOTOGALLERY

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *