Redazione Paese24.it

A Cosenza si parla di paesaggio e memoria del territorio

A Cosenza si parla di paesaggio e memoria del territorio
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

“Il paesaggio memoria del territorio”. E’ stato questo il tema di un convegno tenutosi presso la Biblioteca nazionale di Cosenza, nell’ambito de “Il Maggio dei Libri”, organizzato dall’Istituto dei Sistemi Agricoli e Forestali del Mediterraneo del CNR (ISAFoM) e dalla stessa Biblioteca. Circa ottanta, tra agronomi e ingegneri, i professionisti che hanno partecipato all’incontro. Presente anche una classe dell’Istituto di Istruzione Superiore “Mancini-Tommasi”, accompagnata dalla prof.ssa Felicita Cinnante, e gli studenti del Liceo Classico B. Telesio di Cosenza, che hanno allestito, insieme alla dott.ssa Annamaria Santoro, la mostra bibliografica sul paesaggio calabrese, nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro.

Il filo conduttore dell’incontro è stato il paesaggio inteso come “deposito di memoria storica della fruizione del territorio”, come ha sottolineato il dott. Giuseppe Tagarelli, ricercatore Isafom-Cnr, organizzatore dell’evento. A seguire, si sono alternati al microfono la dott.ssa Rita Fiordalisi, direttrice della Biblioteca nazionale di Cosenza; il dott. Giorgio Matteucci, direttore Isafom-Cnr; il dott. Mario Pagano, soprintendente della Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio; il dott. Giovanni Battista Scalfari, direttore Archivio di Stato Cosenza. Inoltre, la dott.ssa Ada Occhiuzzi, responsabile Ufficio Turismo e Marketing dell’Ente Parco Nazionale della Sila; il prof. Giuseppe Scarascia Mugnozza, ordinario di selvicoltura e eco-fisiologia forestale presso l’Università della Tuscia; il prof. Massimo Veltri, ordinario di idraulica presso l’Università della Calabria; il dott. Giuseppe Tagarelli, ricercatore del Cnr – Istituto dei sistemi agricoli e forestali del Mediterraneo.

Un contributo alla discussione è stato portato anche dal consigliere regionale Orlandino Greco, che ha parlato di due proposte di legge che lo vedono promotore, sui borghi antichi e la dieta mediterranea. La giornata si è conclusa con l’intervento del prof. Franco Rossi, assessore regionale alla Pianificazione territoriale e all’Urbanistica. «Il paesaggio – ha detto -non è un elemento terzo, ma parte integrante della vita dell’uomo, uno stato d’animo».

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *