Redazione Paese24.it

Rossano. In corteo contro la violenza sulle donne. «Ribellatevi e denunciate»

Rossano. In corteo contro la violenza sulle donne. «Ribellatevi e denunciate»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Corteo per dire NO alla violenza sulle donne, ieri sera a Rossano. All’evento, organizzato dal Comitato cittadino “Frasso-Amarelli”, hanno preso parte diverse autorità, associazioni del territorio, studenti e semplici cittadini. In corteo, oltre ai ragazzi diversamente abili dell’Associazione “I Figli della Luna” e dell’Associazione “Raggio di Sole”, anche Alfonso Rago (ACLI Rossano), Natale Bruno (Movimento per la Vita), i volontari della Croce Rossa Italiana (Comitato di Rossano), i familiari di Maria Rosaria Sessa (la giornalista rossanese vittima di femminicidio) ed i rappresentanti dell’Associazione “Fabiana Luzzi” di Corigliano Calabro.

I tanti partecipanti alla significativa e simbolica iniziativa, dopo aver percorso alcuni metri a piedi con partenza dallo stadio comunale “Stefano Rizzo” di Viale Sant’Angelo, hanno raggiunto il palco di Contrada Frasso dove si e dato vita all’interessante incontro-dibattito sul tema del femminicidio. Un fenomeno che, negli ultimi anni, ha preso il sopravvento con dati allarmanti. Sono aumentati, infatti, i casi di femminicidio in Italia e, soprattutto, tra le mura domestiche. Al dibattito, coordinato dalla giornalista Anna Russo, hanno preso parte il Sindaco di Rossano, Stefano Mascaro, il consigliere regionale, Giuseppe Graziano, il Presidente del Consiglio Comunale di Rossano, Rosellina Madeo, il consigliere regionale Tonia Stumpo, l’assessore provinciale Vincenzo Scarcello, Alfonso Rago (Presidente del Circolo Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani di Rossano) e S.E. Mons. Giuseppe Satriano (Arcivescovo della Diocesi Rossano-Cariati).

Tutti, nei loro rispettivi interventi, hanno condannato il diffondersi del fenomeno ed hanno lanciato un monito a tutte le donne, vittime di violenza, affinché possano trovare il coraggio di ribellarsi denunciando, alla Magistratura e alle forze dell’ordine, tali episodi. Al termine, dopo gli interventi di rito, il Presidente del Comitato cittadino “Frasso-Amarelli”, Mario Smurra, ha voluto consegnare direttamente una targa di riconoscimento a tutti i relatori, ma anche ai genitori di Maria Rosaria Sessa e all’Associazione “Fabiana Luzzi” di Corigliano. In seguito, poi, si è dato vita al concerto live di Antonio Grosso e delle Muse del Mediterraneo.

Antonio Le Fosse

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *