Redazione Paese24.it

Operazione “Mare sicuro 2012”; 470 controlli e 15 contravvenzioni elevate dalla guardia costiera di Corigliano

Operazione “Mare sicuro 2012”; 470 controlli e 15 contravvenzioni elevate dalla guardia costiera di Corigliano
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Una delle tartarughe ritrovate durante l'operazione "Mare sicuro 2012"

Continuano i controlli della capitaneria di porto di Corigliano Calabro nell’ambito dell’operazione “Mare sicuro 2012”. Anche nello scorso weekend, la guardia costiera, agli ordini del capitano di fregata Antonio D’Amore, ha effettuato una serie di verifiche al fine di garantire la sicurezza della balneazione e della navigazione.

Nello specifico, durante il fine settimana appena trascorso, sono stati impegnati, lungo la costa da Rocca Imperiale a Cariati, cinque mezzi navali e altrettante pattuglie a terra che, negli orari di massimo afflusso di bagnanti, hanno garantito la sicurezza della balneazione e la tranquillità dei turisti presenti sulle spiagge.

Dall’inizio dell’operazione, invece, sono stati eseguiti 470 controlli, sono stati soccorsi 5 persone, mentre 15 sono le contravvenzioni elevate. In particolare, sono stati multati 9 conduttori di acquascooter nelle acque di Corigliano Calabro,  Rossano e Sibari, perché non avevano rispettato il limite delle acque riservate alla balneazione o non indossavano il casco protettivo. Sono sei, invece, gli stabilimenti balneari presenti lungo il litorale, multati per non avere tutte le dotazioni di sicurezza previste. Sempre sei, inoltre, sono le persone denunciate all’autorità giudiziaria di Rossano e Castrovillari per aver occupato abusivamente parti di demanio marittimo e spiaggia. Un pescatore professionista, inoltre, è stato denunciato per aver violato le norme di sicurezza della navigazione.

Nell’ambito dell’operazione “Mare sicuro” sono state ritrovate anche 2 tartarughe Caretta Caretta vive che, dopo i controlli di rito, sono state affidate alle cure del centro recupero animali WWF Policoro – Herakleia per essere poi restituite al loro ambiente naturale.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *