Redazione Paese24.it

Corigliano. Capitaneria di porto, al via operazione “Mare Sicuro 2017”

Corigliano. Capitaneria di porto, al via operazione “Mare Sicuro 2017”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

E’ stata presentata con una conferenza stampa presso la sede della Capitaneria di porto di Corigliano Calabro, a cura del Capo del Compartimento marittimo e Comandante del porto, l’operazione “Mare Sicuro” 2017, organizzata dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto, che vede impegnata la Guardia Costiera anche nel territorio dell’Alto Jonio, dai comuni di Rocca Imperiale a Cariati, nel corso della stagione estiva. L’operazione, che ha preso il via in questi giorni per concludersi domenica 17 settembre, vedrà impegnati uomini e donne della Guardia costiera e 5 mezzi navali lungo l’area di competenza di Corigliano Calabro, che si estende per 140 chilometri di costa e 43 comuni della Provincia di Cosenza in cui insistono 16 comuni costieri.

Durante l’incontro – in cui sono state illustrate le linee guida di questa stagione balneare – il Comandante della Capitaneria si è soffermato sull’importanza di una intensa e proficua attività di prevenzione, informazione e divulgazione per una vera e propria educazione civica del mare che la Guardia costiera ha svolto durante i mesi scorsi nelle scuole, ma anche con i comuni costieri e i rappresentanti degli operatori balneari e turistici.

La conferenza stampa è stata l’occasione per presentare l’Ordinanza di Sicurezza balneare che presenta tra le novità l’auspicio che gli stabilimenti balneari si dotino di defibrillatore, la possibilità di integrare al tradizionale servizio di salvataggio i cani appositamente addestrati, nonché gli acquascooters. Infine, l’iniziativa del Bollino Blu che anche nel 2017, secondo le direttive del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, intende razionalizzare i controlli di routine ai diportisti e certificare il possesso e la regolarità della documentazione di bordo nonché la presenza a bordo dei mezzi di salvataggio e delle dotazioni di sicurezza prescritte.

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *