Redazione Paese24.it

Castrovillari. Il Masaniello di “Aprustum” porta la rivoluzione nel Protoconvento

Castrovillari. Il Masaniello di “Aprustum” porta la rivoluzione nel Protoconvento
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

La rivoluzione di Masaniello entra nel chiostro del Protoconvento Francescano di Castrovillari. Interessante esperimento, sabato sera, della compagnia teatrale “Aprustum” che ha rievocato in circa due ore di spettacolo i fatti del 7 luglio 1647 quando il pescivendolo Tommaso Aniello, detto Masaniello, si mise a capo di una rivolta popolare, nel mercato di Napoli, contro i dominatori spagnoli, rei di imporre al popolo salate gabelle sui beni di prima necessità. Venti attori in costume in una scenografia itinerante ed in dialetto napoletano hanno fatto rivivere la storia di Masaniello, eroe per caso e simbolo di un Mezzogiorno che prova sempre a ribellarsi, per poi tornare a piegarsi.

Lo spettacolo teatrale diretto dal regista Casimiro Gatto, ispirato al “Masaniello” di Elvio Porta e Armando Pugliese,  è stata l’ultima fatica stagionale del cartellone “Invito al Teatro” di Aprustum. Sicuramente una performance complessa nella recitazione, nei tempi d’intervento e nel linguaggio, il dialetto napoletano che ha messo a dura prova gli attori che hanno risposto bene anche dal punto di vista fisico al cospetto di alcune scene itineranti tra il pubblico che ha degnamente allestito una bella cornice. Colpisce l’affiatamento tra gli attori, frutto di una rodata attività. Audace l’esperimento dello spettacolo all’aperto, per la durata impegnativa, comunque mitigata dalla velocità dell’azione che ha sicuramente legato alla trama il pubblico presente. Vincente l’idea di sfruttare l’architettonica del Protoconvento come location di uno spettacolo teatrale, dove anche l’audio e le luci si sono ben inseriti. Un crogiuolo di proletari, nobili, reali, rivoluzionari in una Napoli che ardeva come un torcia e in cui Masaniello si ritrova ad essere per pochi ma intensi giorni “generalissimo” di quel popolo che poi gli voltò le spalle a causa delle sue “pazzie”, sino alla morte per ordine del vicerè spagnolo.

Attori: Luigi Grisolia, Lucrezia Zaccaro, Andrea Magnelli (Masaniello), Martina Aloisio, Domenico Donato, Rosanna Guaragna, Fedele Battipede, Ivan Donadio, Luca Donadio, Antonio De Biase, Francesca Bonifati, Alessandro Laitano, Giovanni Grisolia, Francesco Ortale, Gabriele Pacenza, Domenico Perri, Luigi Pulice, Katia Sartore, Claudio Scriva, Roberto Coscia De Cardona.

Vincenzo La Camera

SFOGLIA LA FOTOGALLERY

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *