Redazione Paese24.it

San Marco Argentano, restano senza casa dopo incendio. Parte gara solidarietà

San Marco Argentano, restano senza casa dopo incendio. Parte gara solidarietà
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

 Il 2012 per la famiglia Sposito-Percaccia di San Marco Argentano (Cs) non è iniziato nel migliore dei modi. Il 16 gennaio del 2012 un terribile incendio ha distrutto completamente l’abitazione in legno e mattoni dei coniugi Rita e Leonardo che vivono, da allora,  presso i parenti. Secondo i Vigili del Fuoco di Cosenza l’incendio è stato causato da un problema alla canna fumaria. Il loro più grande desiderio è quello di ricostruire la propria abitazione. Nell’incendio sono andati distrutti tutti gli averi dei due coniugi, che  gesticono un negozio di scarpe e non hanno figli. La macchina della solidarietà si è attivata ed è possibile aiutare la famiglia nella ricostruzione della propria abitazione. Il 23 gennaio è stato promosso da Loredana Masellis, Maddalena Tripicchio, Irene Licursi, Vincenzo Licursi e  Annamaria Di Cianni il “Comitato Solidarietà famiglia Sposito-Percaccia”.

San Marco Argentano

È possibile versare il proprio contributo sul conto corrente bancario CREDEM IT69N0303280980010000095029 o direttamente il proprio presso il comitato, recandosi presso i negozi “The Legend Calzature” e “Piccole Canaglie” di San Marco Argentano.  Anche le locali parrocchie stanno contribuendo alla raccolta fondi.

Anche il deputato del Pd Franco Laratta, si è recato presso il Comitato per portare la sua solidarietà alla famiglia che ha definito «dignitosa». Laratta, proseguendo, ha detto: «Siamo qui per dimostrare la nostra solidarietà a questa famiglia, colpita da una tragedia che l’ha lasciata senza più nulla, nemmeno gli indumenti quotidiani. C’è una certa generosità da parte di tutti qui a San Marco».

Gli ha fatto eco il sindaco di San Marco, Alberto Termine: «Appena possibile, seguendo l’iter, alla famiglia sarà data disponibilità di un alloggio popolare».

Rosanna Angiulli

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *