Redazione Paese24.it

A Castrovillari i ritmi brasiliani di Toquinho

A Castrovillari i ritmi brasiliani di Toquinho
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Sold out per il concerto di Toquinho e Selma Hernandes che ha aperto ieri sera (venerdì), nella corte del Castello Aragonese, la XII edizione di “Suoni – Festival Etno Jazz”, la rassegna organizzata dalla Pro Loco di Castrovillari e dalla locale Amministrazione comunale. Lo spettacolo ha reso omaggio alla musica brasiliana e ai 50 anni di carriera dell’artista, con un tributo anche ai quei grandi amici con cui Toquinho ha condiviso la sua musica. Da Tom Jobim, che quest’anno avrebbe compiuto 90 anni, al suo collaboratore Vinicius de Moraes con il quale ha inciso sedici album, passando poi per Baden Powell, Carlos Lyra, Chico Buarque, Menescal.

Ma la prima delle quattro serate etno jazz si è aperta, nel chiostro del Protoconvento francescano, con il concerto di musica etnica dal titolo emblematico “Nicciabbaca”, a cura dei “Cumededè”. L’ensemble, diretta dal M° Checco Pallone, prodotta dal Centro Rat/teatro dell’Acquario di Cosenza, ha percorso sentieri musicali che hanno spaziato dalle sonorità africane alle grida di protesta del Sudamerica, quelle nostalgica di Domenico Modugno per finire alle canzoni di lotta calabrese. Insomma, un viaggio intorno al mondo da Sud a Sud.

Il festival “Suoni” proseguirà fino al 30 luglio.

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *